foto_feto

Singhiozzo feto: quando, come e perché

Singhiozzo feto in gravidanza

Il singhiozzo è un fenomeno frequente nel neonato, ancor più che negli adulti. Il singhiozzo inizia però già da quando il bambino è nella pancia. Infatti il feto ha frequentemente il singhiozzo e ad ogni mamma sarà capitato di notarlo. Soprattutto negli ultimi mesi di gravidanza, sarà capitato ad ogni donna in dolce attesa di notare la pancia che pulsa. Questi movimenti sono dovuti al piccolo che inizia a singhiozzare addirittura prima di imparare a respirare. Ma perché il feto nella pancia singhiozza? Questo movimento a cosa è dovuto?

Singhiozzo del feto in gravidanza

Come abbiamo detto, il bambino nella pancia inizia a singhiozzare ancora prima di respirare. Questo avviene proprio perché il bambino utilizza il singhiozzo per adattarsi alla vita al di fuori del pancione. Il singhiozzo fetale rappresenta infatti un esercizio di respirazione che il bimbo fa attraverso il movimento dei muscoli della gabbia toracica. Durante questi movimenti il bambino nella pancia può inghiottire un po’ di liquido della pancia, ovvero il liquido amniotico, e il singhiozzo serve proprio ad impedire che questo liquido entri nei polmoni.

feto

Leggi anche: Cosa fa il feto nella pancia durante il giorno

Perché viene il singhiozzo?

Attraverso questi sussulti che la mamma percepisce come singhiozzi, il piccolo riuscirà a buttare il liquido fuori dalla bocca. Il principio che porta il bimbo nella pancia a singhiozzare per buttare fuori il liquido amniotico è lo stesso che lo porta a buttare fuori in latte in caso di rigurgito. Il singhiozzo viene percepito dalla mamma di più in determinati momenti: quando ad esempio la donna in gravidanza passa da una posizione seduta ad una sdraiata i movimenti saranno più intensi, e allo stesso modo dopo un pasto abbondante. Il singhiozzo del feto viene percepito molto nettamente dalla mamma, che nota questi movimenti simili a sussulti del bimbo.

singhiozzo feto

Singhiozzo neonato: perché viene

I neonati hanno il singhiozzo per il 2,5% del tempo. Spesso con il passare del tempo questo fenomeno diminuisce, anche se ogni tanto anche gli adulti ne soffrono. Il singhiozzo si ha se si mangia troppo o troppo in fretta e se si ingerisce aria durante durante la masticazione o comunque durante l’ingerimento. I neonati, soprattutto quelli che prendono il latte dal biberon, spesso ingeriscono aria.

Singhiozzo neonato: da cosa è causato

Anche dopo la nascita, il singhiozzo capita quotidianamente sia a neonati che adulti. Ma cos’è il singhiozzo? Il singhiozzo è una condizione provocata da una contrazione involontaria del diaframma. Queste contrazioni si ripetono varie volte e possono durare per vari minuti. Quando abbiamo il singhiozzo, il nervo frenico, ovvero quello che controlla le contrazioni del diaframma, viene irritato in un punto del suo percorso, che parte dal cervello.

Leggi anche: Singhiozzo neonato: come farlo passare

Singhiozzi rimedi

Quali sono i rimedi per il singhiozzo frequente del neonato? Se il singhiozzo sopraggiunge la poppata, il rimedio più efficace è continuare a farlo mangiare per far sì che passi. Per cercare di prevenire il singhiozzo invece bisogna cercare di non far ingerire aria al neonato durante l’allattamento. Bisogna evitare poppate troppo lunghe e cercare di far fare sempre il ruttino al piccolo.

singhiozzo

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *