foto aceto di mele in gravidanza

Aceto di mele in gravidanza: si può usare?

Aceto di mele in gravidanza

La gravidanza è un periodo delicato e, come tale bisogna adottare delle precauzioni, soprattutto dal punto di vista alimentare. No a fritto, cibi-spazzatura, dolci grassi, insaccati, carni crude e snack particolarmente calorici. Appurato questo, resta da chiedersi: ma i condimenti? Uno dei sostituti dell’olio, soprattutto per le insalatone e i contorni a base di verdure, è l’aceto di mele. L’aceto di mele in gravidanza si può usare? Rispondiamo alla domanda esponendo quali sono le proprietà dell’aceto di mele, e l’aceto di mele controindicazioni.

Aceto di mele proprietà

L’aceto di mele contiene calcio, fosforo, zolfo, fluoro, silicio, ferro, magnesio, potassio, sodio, vitamine A, B1, B2, B6, C, Epectina, acido acetico, beta-carotene, acidi di frutta. Con tutti questi preziosi nutrienti, l’aceto di mele non può non regalare benefici al nostro organismo. Ecco perché condire con questo aceto, o addirittura bere aceto di mele, è altamente consigliato.

Aceto di mele benefici

Aceto proprietà: sono tantissime, tutte diverse tra loro. Non a caso l’aceto in gravidanza è assolutamente concesso.

Aceto di mele benefici: l’aceto sulla pelle ha un meraviglioso effetto antiage. Rallenta l’ossidazione cellulare, ovvero l’effetto dei radicali liberi e dunque ci fa restare giovani più a lungo.

Uno dei benefici dell’aceto di mele è quello cardiovascolare: l’aceto di mele aiuta a combattere il colesterolo nonché l’indurimento delle pareti venose ed arteriose. Tra le proprietà dell’aceto troviamo anche quelle intestinali, ripristinando la flora batterica ed impedendo lo sviluppo dei temuti saccaromiceti.

Non solo: l’aceto di mele ha anche una funzione tonificante, di cui usufruiscono tutti gli organi. È pure snellente e diuretico, oltre che disintossicante. L’aceto di mele è una risorsa di potassio, rafforza le difese immunitarie grazie all’alto contenuto di vitamina C e di calcio, e aiuta a combattere la degenerazione ossea ed ad assorbire il ferro.

aceto di mele in gravidanza-

Non siete abbastanza convinte? I benefici dell’aceto di mele sono innumerevoli! L’aceto di mele è rinfrescante, aiuta a combattere infiammazioni ed alitosi, fluidificano il catarro, è antipiretico ed antinfiammatorio, oltre che essere un regolatore glicemico.

È antitumorale: sembra che assumerlo aiuti a prevenire la formazione di cellule tumorali. Inoltre, l’aceto di mele aiuta a combattere i capelli grassi, la forfora, a digerire, a ridurre la pressione arteriosa, a ritrovare l’energia, ad alleviare i crampi muscolari, ad eliminare calli. Insomma, esistono aceto di mele controindicazioni?

Aceto di mele controindicazioni

La risposta non può che essere scontata: no! Naturalmente l’aceto di mele fa bene alla salute a patto di non abusarne. Occhio alle quantità, allora, perché l’aceto di mele in gravidanza potrebbe rovinare lo smalto dei denti e a lungo andare rovina la bocca e la gola. Potrebbe provocare anche eruzioni cutanee, nausea, dolori addominali, difficoltà di respirazione nei casi più estremi.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *