foto_allattamento_voglia_dolci

Allattamento e voglia di dolci: perché succede

Allattamento e voglia di dolci

Essere una mamma di un bambino ha i suoi vantaggi ma è anche faticoso. Durante l’allattamento al seno è necessario essere a disposizione del bambino 24 ore al giorno. Si ha bisogno di mangiare per soddisfare sia le proprie e le esigenze nutrizionali del bambino. Inoltre, si deve assicurare che le scelte alimentari siano sane. Quel desiderio di dolci e cibi grassi che si prova, probabilmente, dipende dalla carenza di sonno.

Infatti, il sonno notturno è spesso interrotto sia in termini di quantità che di qualità. È uno studio del 2013, pubblicato su “Nature Communications” a dirlo. Questi cambiamenti aumentano il desiderio di cibi non sani, secondo i ricercatori. Il desiderio di dolci e grassi possono essere correlati a cambiamenti nell’attività cerebrale. Incredibile, ma vero.

Una mamma che allatta utilizza 500 calorie ogni giorno per produrre latte materno a sufficienza per nutrire un bambino fino a 6 mesi di età, Due terzi di quelle calorie vengono dal cibo che si mangia, mentre il resto proviene da quello accumulato durante la gravidanza.

Nel corso dell‘allattamento al seno, il cibo che si mangia influenza la salute propria e del bambino. Diversi sono gli alimenti che soddisfano sia il fabbisogno materno che quello infantile.

La dieta sana di una mamma che allatta dovrebbe includere fonti di proteine magre come pollo, pesce e fagioli. Allo stesso modo dovrebbe prevedere una vasta gamma di frutta e verdura, cereali integrali come pane integrale e riso integrale. In realtà dovrebbe esserci un basso contenuto di grassi, o di latticini, e pochi dolci (soprattutto se confezionati).

È importante bere un bicchiere d’acqua ogni volta che si allatta al seno per assicurarsi che si stia soddisfacendo le crescenti esigenze e richieste.

Assicurarsi una serie di spuntini frequenti è necessario per domare la fame e mantenere livelli di energia ottimali. Proprio questo è il nostro consiglio per combattere le voglie, soprattutto di cibi dolci, grassi o non salutari.

Inoltre, è consigliato provare a bere un bicchiere d’acqua quando si hanno desideri o voglie di dolci. A volte la disidratazione è scambiata per fame.

Se tutto questo non funziona, non dimenticate mai di “cedere alla tentazione” in modo sano e senza esagerare.

23 anni di Catanzaro - ORGOGLISAMENTE Ostetrica. E' l' avventura più bella che potessi immaginare di vivere: testimone della vita che nasce. "Ho visto in sala parto la potenza delle cose" il mio motto. Animatrice per bambini, conduttrice di corsi di preparazione al parto, Ost.ca volontaria in Ospedale. Possiedo un master presso l' Università di Firenze, con diverse competenze ecografiche e cliniche. Email: c.polizzese@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *