foto_sorellina_pernacchia

Fa una pernacchia alla sorellina malata e la salva: l’incredibile storia

Impensabile pensare come una banale pernacchia possa salvare una vita. Eppure è successo. Siamo in Inghilterra. La piccola Poppy Smith, bimba di 2 anni, ha subito dei danni al cervello. I medici hanno spiegato ai genitori la gravità della situazione, ammettendo che le possibilità di sopravvivenza erano molto basse.

Fa una pernacchia alla sorellina malata e la salva: la storia

Nonostante le previsioni dei dottori però, i genitori di Poppy la vedevano sorridere e divertirsi mentre giocava con la sorella maggiore Macey, che di anni ne ha 12. In particolare, è stata una pernacchia sulla pancia di Poppy ad aiutarla di nuovo a muovere braccia e gambe.

La piccola colpita dalla sindrome di Moebius

Alla piccola è stato diagnosticata una rara malattia. Si tratta della sindrome di Moebius, una patologia che colpisce i muscoli del viso. Questi smettono di funzionare correttamente. VNews24 riporta che l’incubo della piccola bimba è iniziato prima che compiesse due anni. Non rispondeva, respirava a fatica, i suoi polmoni erano pieni di liquido, gli occhi rigirati verso l’alto.

Poi, il giorno di Natale, il trasferimento in ospedale. Giorni terribili per mamma Amy e papà Stephen, genitori trentenni che hanno raccontato la loro vicenda al Mirror. Una vicenda che, fortunatamente, si è conclusa con il lieto fine. “Tutto merito di Macey, la sorella più grande“, raccontano.

Il miracolo della vita

Macey ha fatto una pernacchia sul ventre di Poppy, ed improvvisamente lei ha iniziato a ridere. Non potevamo crederci. Ora crediamo fermamente che Poppy tornerà a camminare e parlare di nuovo“, hanno dichiarato increduli i genitori. Non appena Poppy ha cominciato a muoversi, i medici hanno avvisato i familiari che poteva trattarsi di riflessi spinali, impulsi involontari. Eppure non è stato cosi.

È stato un momento magico, incredibile” hanno raccontato mamma e papà, che ad oggi stanno raccogliendo fondi per le cure e la riabilitazione fisica della piccola Poppy, salvata dalla sorella. Impossibile? Forse. Ma perché non credere al miracolo della vita?

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *