foto_cè posta per te

C’è posta per te, abbandona figli con SMS: “Non provo niente per loro”

C’è posta per te, abbandona i figli con un SMS e tre anni dopo non vuole rivederli

Un’altra storia sconvolgente a C’è posta per te. Ancora una volta il caso di figli abbandonati da genitori. Christian, 21 anni, ha chiesto a Maria De Filippi di rintracciare la madre. Nunzia ha abbandonato il ragazzo e la sorella più piccola tre anni prima, con un semplice SMS. Ignoto il motivo di tale gesto e il figlio ha deciso di partecipare al programma proprio per scoprire la verità.

La donna è arrivata in puntata con il compagno Giovanni. Nunzia ha lasciato i figli per iniziare una storia con l’uomo e non ha saputo dare una vera ragione a questo abbandono. Forse perché un motivo reale, concreto, non c’è. “Ho passato quarant’anni di inferno con loro e con i miei genitori” si è limitata a sostenere Nunzia che ha poi aggiunto: “Non provo più nulla per loro”.

Parole shock che hanno turbato il pubblico in studio, quello a casa, e pure Maria De Filippi che ha provato a far ragionare la signora. Quest’ultima, infatti, era propensa a chiudere la busta ma la presentatrice l’ha invitata ad uscire, a consultarsi con il compagno, e poi a rientrare.

Una volta fuori, la De Filippi si è recata da Christian e dolcemente ha dichiarato: “Sto zitta solo per te”. Maria si è infatti trattenuta e ha fatto il possibile per riuscire ad ottenere quello che desiderava il giovane. Tra l’altro quest’ultimo si è presentato con Lucy, la fidanzata incinta.

Quando Nunzia è rientrata si è ricongiunta con Christian. Prima però ha voluto mettere dei paletti sul loro nuovo rapporto. “Possiamo chiamarci e vederci ogni tanto” ha puntualizzato la signora.

C’è posta per te, la storia di Nunzia sciocca il pubblico

Una storia davvero incredibile che ha turbato tutti i genitori che hanno assistito alla vicenda. Molteplici i commenti negativi su Twitter e Facebook:

“Non ho parole, io sono madre e darei la mia vita x i miei figli, non so come faccia a guardarsi allo specchio tutte le mattine, che schifo…”;

“Una mamma così insensibile, ma come si può definire tale, non ha avuto un briciolo di emozione nel vedere il figlio”;

“Anche un sasso si sarebbe sciolto davanti alle lacrime di quel povero figlio!!!!”.

Curiosa, testarda e determinata. Laureata in Comunicazione, Editoria e Scrittura, ho iniziato a lavorare nel mondo del giornalismo all'età di 18 anni. Adoro i bambini e la loro purezza; sogno una famiglia numerosa con 5 figlie femmine. Riuscirò nell'impresa? Intanto mi alleno scrivendo per Passione Mamma! Email: a.latilla@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *