foto meningite

Meningite in Toscana: nuovo caso a Livorno, grave un uomo

Primo caso di meningite di tipo C, il ceppo più insidioso, del 2017 in Toscana. La vittima è un uomo di 53 anni. È stato ricoverato nel reparto di malattie infettive degli Ospedali Riuniti di Livorno. Le sue condizioni sono giudicate gravi e la prognosi è riservata. Si è presentato in ospedale pensando si trattasse di un’influenza ma la risposta dei medici è stata diversa dalle aspettative.

La meningite colpisce di nuovo la Toscana. Il paziente si è presentato spontaneamente al Pronto soccorso per quelli che credeva essere i postumi di un’influenza. I medici non hanno acconsentito al suo ritorno a casa ed è stato subito ricoverato. Gli esiti degli esami hanno rivelato la presenza del meningococco di tipo C. È già stata messa a punto la profilassi per i familiari e tutti coloro che sono entrati in contatto con l’uomo per verificare eventuali contagi.

Le verifiche effettuate da parte dell’igiene e sanità pubblica assieme ai parenti dell’uomo hanno portato ad individuare esclusivamente nella cerchia dei familiari l’opportunità di eseguire la profilassi antibiotica che, lo ricordiamo, è prevista solo in caso di contatti ravvicinati e prolungati.


Leggi anche: Vaccino meningite, come e quando farlo


Nel 2016 sono stati trenta i casi da meningococco C in Toscana con sette vittime. Dal 2015 le persone colpite state 58 di cui tredici i casi mortali. La Toscana risulta essere la regione più colpita. Secondo Fabio Voller, coordinatore dell’osservatorio di epidemiologia dell’Agenzia regionale di sanità (Ars) Toscana, la concentrazione di così tanti casi in Toscana risulta essere solo una coincidenza:

“Questa è solo una coincidenza dettata dalla statistica. Nella fascia dell’Arno ci abita un milione e mezzo di persone, quasi la metà di tutta la popolazione toscana. È facile che si verifichino casi. E comunque sono 58 casi, che dal punto di vista della sanità pubblica non è tanto. Consideriamo che abbiamo 400 morti di incidenti stradali all’anno”.

Il servizio sanitario regionale invita nuovamente i cittadini a vaccinarsi.

22 anni. Sono laureata in Lingue e Letterature Moderne presso l'Università di Roma Tor Vergata e sto continuando gli studi magistrali. Sono una ragazza determinata, testarda e piena di voglia di fare. Da sempre amante dei bambini, sogno di avere una bellissima famiglia. Intanto mi diletto a scrivere per Passione Mamma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *