foto_cesareo_bambino

Raquel dopo il cesareo mostra la cicatrice: “Non è un parto di serie B!”

Stanno diventando virali in queste ore le immagini che ritraggono la giovane neo mamma Raquel, trentasettenne che su Instagram ha deciso di postare una foto nella quale mette in evidenza il taglio subito dal parto cesareo, per dimostrare a tutti che “sono una mamma davvero forte!“.

La donna è diventata mamma per la seconda volta il 23 Novembre: alla trentaduesima settimana Raquel ha preso conoscenza del fatto che la bimba era in posizione podalica, che non si era ancora “girata”. È stato in quel momento, allora, che ha dovuto accettare l’idea di partorire con il cesareo.

All’inizio era terrorizzata“,ha scritto su Instagram nel post che accompagna la foto, che in pochissime ore ha fatto il giro del mondo. “Le ultime settimane prima della nascita di Alexa, ho avuto paura, ho avuto paura di questa cicatrice e degli effetti a lungo termine sul mio corpo e sulla mia mente. Ero preoccupata di sentirmi inadeguata, come se non l’avessi fatta nascere“.

Nelle parole della donna, la paura ha poi lasciato il posto alla forza ed al coraggio: “Mentre indugiavo nelle mie paure, tante altre mamme mi hanno detto che sarebbe andato tutto bene. E così è stato. Non mi sento derubata del parto o meno tosta. Questa cicatrice dimostra che sono davvero una mamma forte!“, scrive.

Oggi Raquel è più felice che mai, volenterosa di dimostrare come il parto cesareo non sia affatto un parto di serie B, desiderosa di far vedere a tutti la sua cicatrice, della quale “non potrei essere più orgogliosa. Non potrei essere più orgogliosa di me stessa. E tutte quelle stupide paure sono scomparse, non appena mi sono resa conto di avere avuto la bimba che desideravo e il parto che speravo“.


Leggi anche: Cicatrice del cesareo, cosa bisogna sapere


Raquel è diventata simbolo di quanto il cesareo, parto medicalizzato considerato scelto da mamme pigre e negligenti, delle volte diventa una necessità, e nella totalità delle volte una donna che lo subisce non è mai egoista, e mai sarà una mamma di serie B: d’altronde la maternità non è un campionato di calcio dove esistono squadre più o meno forti.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *