massaggio

Massaggio infantile: cos’è e come funziona

Massaggio Infantile

Il massaggio infantile è un’antica tradizione radicata in molti Paesi, tramandata da madre a figlia, che è stata riscoperta e, grazie ai numerosi benefici per bebè e genitori, si sta diffondendo sempre più anche nei Paesi occidentali. Il bambino appena nato ha bisogno di contatto, si deve sentire protetto, sostenuto nella sua crescita ed il massaggio neonatale è uno strumento elettivo per attuare questi obiettivi. E’ prima di tutto uno spazio che genitori e figlio si ritagliano per stare insieme, per coccolarsi. Con la sequenza dei movimenti sul corpicino si favorisce uno stato di benessere del bambino e, nello stesso tempo, i genitori imparano a leggere i segnali del proprio piccino, per rispondere al meglio ai suoi bisogni.

A.I.M.I.

Tra le associazioni di massaggio infantile, l’A.I.M.I. (associazione italiana massaggio infantile) è una delle più diffuse a livello internazionale, che promuove corsi di massaggio in tutta Italia, grazie ad una distribuzione capillare degli insegnanti su tutta la penisola, a cui è richiesto un continuo aggiornamento, per garantire un’idonea formazione e professionalità. Le origini del massaggio A.I.M.I. risalgono agli anni ’70, in seguito agli studi ed all’esperienza dell’americana Vimala Mc Clure che, dopo aver lavorato in un orfanotrofio in India, apprese il massaggio del bambino della tradizione locale e decise di studiare ed approfondire i benefici di tale pratica. Così pochi anni dopo perfezionò una sequenza di massaggio al neonato integrando alcuni movimenti del massaggio svedese, alcune pratiche della reflessologia e dello yoga, ottenendo eccellenti risultati.

Massaggio infantile corsi: come si fa a partecipare ad un corso di massaggio infantile? Quanto dura? Come si svolge? Ormai in tutte le città d’Italia possiamo partecipare ad un corso massaggio infantile. Sul sito dedicato dell’associazione, possiamo digitare la città o il paese in cui viviamo per avere le indicazioni sui corsi massaggio infantile A.I.M.I. in partenza. Si seleziona la regione di appartenenza, quindi appaiono i nomi degli insegnanti che lavorano nelle varie città con i relativi indirizzi e riferimenti. Alcuni hanno siti personali in cui presentano i corsi e le modalità di partecipazione, ad esempio bacheca massaggio Bologna, bacheca massaggi Genova, massaggio a Milano.

Massaggio video: sul canale Youtube ci sono dei brevi filmati per rendersi conto di come si svolge il massaggio al neonato. In genere, i corsi hanno cadenza settimanale, per la durata di 5 incontri di circa 1 ora e mezzo ciascuno. Agli incontri partecipano circa 5-6 bebè da 0 a 12 mesi con i genitori. Bebè e genitori vengono accolti in una stanza al centro della quale un tappetone con le traversine, servono per adagiarci i piccini, che trovano a disposizione anche dei sonaglini e l’occorrente per il cambio pannolino. I genitori si siedono davanti ai loro bimbi in modo da formare un cerchio. L’atmosfera calda, gioiosa invita e facilita il massaggio, che avviene con un olio, naturale e spremuto a freddo per proteggere la pelle delicata dei bambini.

Questi corsi di massaggio sono importanti anche per i genitori che, in un contesto non giudicante ed accogliente, possono confrontarsi sulle gioie e sulle difficoltà della genitorialità, trovando spunti per affrontare le varie fasi evolutive dei propri bambini.

Massaggi italiani: spesso ai corsi di massaggio prendono parte anche genitori provenienti da altri continenti, ciò promuove un confronto davvero stimolante per tutti. Nei Paesi indiani ad esempio il massaggio viene eseguito quasi come fosse una danza, in quelli africani in modo più energico. Proprio partendo dal massaggio infantile c’è uno scambio di esperienze sulla genitorialità che arricchisce il gruppo.

massaggio infantile

Stimolazione infantile: attraverso il massaggio, il bebè riceve tanti benefici, tra cui la regolazione del ritmo sonno-veglia, il miglioramento dalle fastidiose coliche gassose; i genitori massaggiando il pancino del piccolino capiscono se è pieno di aria se è più duro da una parte e imparano ad agire di conseguenza, sentendosi capaci durante i momenti più acuti di dolore del loro bimbo; per non parlare della stimolazione infantile, attraverso la sequenza del massaggio il piccolo impara a comprendere i confini del proprio corpo, tocca il viso della mamma seduta di fronte a lui, potendo contare sul contatto visivo, fondamentale per interagire con lei. Proprio perché i bisogni del bambino sono al centro del corso di massaggio, durante gli incontri i bambini sono massaggiati, sempre rispettando i loro tempi ed esigenze, così se un piccolino dorme, non lo svegliamo; la mamma imparerà la sequenza osservando l’insegnante e riproponendola al figlio a casa in un momento di relax per la diade.

Come diventare insegnante

L’A.I.M.I. organizza annualmente dei corsi per diventare insegnante di massaggio infantile. Non si tratta di una vera e propria scuola di massaggio. Durante il corso si apprende la sequenza del massaggio neonatale, il bonding, la relazione madre-bambino, oltre ad una parte pedagogica sull’evoluzione delle fasi del bebè. Importante è anche la parte afferente il neonato prematuro, con esigenze specifiche durante il corso di massaggio e tutto ciò che riguarda il sostegno alla genitorialità. Spesso le richieste vengono poste cosi: come posso diventare massaggiatore? Il primo chiarimento durante la preparazione si basa sul fatto che non saranno gli insegnanti a massaggiare i bambini. Attraverso il massaggio si stabilisce un contatto forte tra i due soggetti, quindi è giusto che ciò accada con i genitori.

L’insegnante, per mostrare le sequenze, userà una bambola, appositamente fornita dal team dell’associazione, perché evoca posizioni delle manine e dei piedini del bebè e favorisce una maggiore consapevolezza sul fatto che abbiamo a che fare con un piccolino, con esigenze particolari. Osservando l’insegnante, il genitore proporrà la sequenza di massaggio al bambino. Una delle peculiarità del massaggio neonatale, accertata da evidenze scientifiche, è che durante il massaggio non solo cala il livello dell’ormone dello stress nel bebè, il cortisolo, ma anche nella mamma che massaggia; ciò è importante soprattutto nelle puerpere colpite da una leggere depressione post parto. Sul sito dell’associazione c’è una pagina dedicata ai corsi in partenza per diventare insegnanti di massaggio infantile, oltre agli aggiornamenti obbligatori per chi ha già intrapreso questo percorso.

Mi occupo di genitorialità, prevalentemente, dall'accompagnamento alla nascita fino alla prima infanzia, in qualità di Counselor Professionista, Insegnante di massaggio Infantile e Prenatal Tutor , crescendo, insieme a tante mamme, grazie al prezioso sostegno dei miei bambini Email: t.runco@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *