foto_sushi_bacchette

Sushi in gravidanza: si può mangiare?

Ormai, per molti di noi, ritrovarsi con gli amici per una cena al ristorante giapponese è diventata una routine. Alimenti come il sushi ed il sashimi sono piatti prelibati che deliziano occhi e palato. Ma si possono mangiare in gravidanza? Nei mesi dell’attesa, per proteggere e tutelare la salute del bebè, è importante stare attenti anche all’alimentazione, per evitare di ingerire cibo contaminato, veicolo, quindi, di batteri ed infezioni come la toxoplasmosi, la salmonella e la listeriosi, in grado di compromettere la regolare crescita psico fisica del bambino.

La gestante, infatti, è invitata a lavare bene la frutta e le verdure crude prima di mangiare, evitare gli insaccati ed il pesce crudo. Qualcuno ribatte che il sushi è preparato con pesce opportunamente “abbattuto”, ovvero portato a bassissime temperature che variano da -20° a -35°, con abbattitori di temperatura specifica, proprio per evitare qualsia si contaminazione.

Il comune congelatore delle nostre cucine non supera i -18°, quindi non pensiamo di risolvere il problema preparandoci queste pietanze da sole.

Stiamo attenti a scegliere il ristorante, cerchiamone uno di cui poterci fidare, a volte può capitare che il processo di preparazione degli alimenti, non avvenga in modo scrupoloso, con l’utilizzo di prodotti che, se pur in regola con la vigente normativa in fatto di conservazione degli alimenti, non sono sempre freschi.

Inoltre alcuni tipi di pesce, come quelli di acqua dolce ed il pesce spada, lo sgombro, sono soggetti ad una maggior colonizzazione parassitaria. Se proprio non vogliamo rinunciare ai roll, così invitanti, avvolti nelle foglie di alghe e riso, optiamo per quelli preparati con il pesce cotto, come il salmone o i gamberi, stando sempre attente a non esagerare con la quantità.

Durante la gravidanza il corpo femminile è maggiormente esposto a rischi per l’abbassamento delle difese immunitarie ed eventuali infezioni richiederebbero l’assunzione di terapie antibiotiche, esponendo il feto a sostanze che sarebbe meglio evitare. Forse limitarci a qualche furtivo assaggio di tanto in tanto, aspettando la nascita del bambino per ritrovarci a festeggiare il lieto evento, con tanti bocconcini golosi di sushi, permetterebbe alla donna di affrontare la gravidanza con serenità e meno preoccupazioni.

Mi occupo di genitorialità, prevalentemente, dall'accompagnamento alla nascita fino alla prima infanzia, in qualità di Counselor Professionista, Insegnante di massaggio Infantile e Prenatal Tutor , crescendo, insieme a tante mamme, grazie al prezioso sostegno dei miei bambini Email: t.runco@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *