foto_piedino_neonato_prematuro

Perché ai neonati le unghie dei piedi crescono più lentamente?

Sicuramente ogni neo mamma avrà notato che il proprio bebè nasce con le unghie delle mani lunghe, tanto da dover coprirle in alcuni casi con dei guantini appositi per neonati onde evitare che il piccino si graffi. Inoltre, i genitori rimarranno sorpresi dal fatto che quelle dei piedi non hanno la stessa velocità di crescita di quelle delle dita delle mani del bimbo.

In realtà ciò si può definire come una sorta d’istinto corporeo primordiale: le unghie delle mani hanno una maggiore crescita perché l’uomo si deve difendere da chi gli da fastidio, mentre quelle dei piedi servono da quando inizia a camminare. Così come i dentini iniziano a spuntare solo quando il figlioletto abbandona le poppate.

Alcune madri credono che se è presente nel pargolo il problema del piede torto, c’è di conseguenza anche un’avanzamento lento delle unghie dei piedi. In realtà l’indebolimento o anche la mancata crescita non è legata a questa problematica.


Leggi anche: Perché i neonati hanno sempre i pugni chiusi?


Non c’è perciò da preoccuparsi se l’avanzamento delle unghie dei piedi del neonato è poco veloce, perché è del tutto normale. Invece va ricordato di fare attenzione quando queste dovranno esser tagliate dalla mamma una volta cresciute.

Anche le unghie delle dita dei piedini sono molto delicate ed è bene concentrarsi quando si mettono al figlioletto i calzini, in quanto la cucitura dei pedalini potrebbe arrecare fastidio al bimbo. A volte il piccolo piange in modo inconsolabile, i genitori non capiscono il motivo fino a scoprire solo alla fine che magari quelle lacrime sono dovute agli indumenti, e cosa molto comune è proprio un filo di cotone del calzino che tira l’unghietta del neonato.

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *