foto_parenti

Parenti invadenti con il neonato: come comportarsi

La nascita di un bambino è sempre una gioia in famiglia e quando la mamma torna a casa dopo il parto, i nonni, gli zii, i cugini e tutti i parenti del piccolo non vedono l’ora di andare a fargli visita per la prima volta, incuranti però del fastidio che, soprattutto i primi tempi dopo il ritorno a casa, potrebbero dare. I primi giorni sono i più delicati perché la mamma e il papà devono abituarsi ad una nuova presenza in casa e adagiare i propri ritmi di vita a quelli del nuovo arrivato. Come tenere a bada i parenti invadenti dopo il parto?

Certamente la nascita di un piccolo è una grande felicità ed è comprensibile la voglia di conoscere il neonato. Molti parenti dovrebbero però capire la difficoltà dei primi giorni dopo il parto, la stanchezza e la necessità di abituarsi al bambino.

Sarebbe perciò carino da parte dei familiari telefonare e chiedere se fosse possibile andare a fare una visita, invece di presentarsi a casa senza avvisare. E se invece non lo fanno?

Come i parenti invadenti come comportarsi? I genitori potrebbero molto educatamente chiedere di chiamare prima di andare a trovarli, così che possano organizzarsi al meglio.


Leggi anche: 10 cose da evitare durante la prima visita a un neonato


Altre volte i parenti invadono gli spazi di competenza dei genitori sentendosi in dovere di dispensare consigli in continuazione. Sicuramente la prima volta la mamma ringrazierà, ma dopo varie raccomandazioni da parte di nonni o zii, si sentirà oppressa e privata del proprio ruolo. In questo caso come liberarsi dai parenti invadenti? Sorridere e annuire è sempre un buon metodo per non risultare maleducati. Quando proprio non si resiste più, si dovrebbe dire chiaramente, senza essere scortese, che per il bene del bambino decidono i genitori.

In ogni caso la sincerità è sempre l’arma migliore. Se i parenti invadenti piombano in casa ad ogni ora incuranti della stanchezza della mamma o del bisogno dei neogenitori di restare soli con il proprio bambino, dirlo apertamente proponendo di ridurre le visite è certamente la cosa migliore da fare.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *