foto_bimbo_ricoverato

Mamma bacia il figlio sulla bocca: il neonato rischia di morire

Voleva solo dimostrare amore la povera Kristy, una mamma che ha rischiato di uccidere il figlio con un bacio mortale. La donna di 28 anni stava abbracciando e baciando sulla bocca John, nato otto settimane prima, quando ad un certo punto il bambino ha cominciato ad avere problemi di temperatura e respirazione.

La mamma ha subito portato il neonato in ospedale, più che mai preoccupata delle conseguenze di quel gesto.

All’inizio i medici non riuscivano a capire le dinamiche di quanto accaduto, poi la terribile scoperta: Kristy aveva trasmesso al figlio, tramite le labbra, un terribile virus.

A quanto pare la donne soffre dall’adolescenza di herpes labiale, che si ripresenta ciclicamente. Kristy non sapeva che un virus del genere fosse letale per i bambini anche perché baciava quotidianamente, fino ad allora, il compagno Chris senza avere gravi problemi.

“Non ho mai fatto niente per ferire i miei figli. Volevo solo mostrare il mio amore con un bacio ma dopo quanto successo sono devastata” ha spiegato la mamma di John al Sunday People.


Leggi anche: Baci di mamma e papà sulla bocca, perché vanno moderati


Per ben 24 ore i medici si sono dati da fare con il neonato, somministrandogli una serie di farmaci antivirali.

“Quando ho visto di nuovo il mio bambino sorridere sono scoppiata a piangere” ha confidato Kristie, piena di sensi di colpa per la vicenda, tanto da voler condividere la sua storia con i media inglesi. “Quello che è ssuccesso a me non deve ripetersi con altre mamme e figli: state attente ai vostri bambini” è il monito della giovane.

Curiosa, testarda e determinata. Laureata in Comunicazione, Editoria e Scrittura, ho iniziato a lavorare nel mondo del giornalismo all'età di 18 anni. Adoro i bambini e la loro purezza; sogno una famiglia numerosa con 5 figlie femmine. Riuscirò nell'impresa? Intanto mi alleno scrivendo per Passione Mamma! Email: a.latilla@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *