foto_massaggio_gravidanza

I massaggi indicati in gravidanza

I mesi del pancione sono un periodo speciale per ogni donna, ma le trasfomazioni del corpo oltre a regalare tenere rotondità possono comportare anche fastidiosi inconvenienti come mal di schiena o piedi gonfi. Per alleviare i dolori o anche solo per regalarsi un momento di sano relax si può ricorrere a vari tipi di massaggi, indicati per la gravidanza. Naturalmente occorre sempre sentire il parere del proprio ginecologo e rivolgersi ad un professionista, al bando soluzioni fai-da-te o operatori dilettanti. Soddisfatti questi prerequisiti, le neo mamme hanno davanti a sé una vasta scelta.

Il linfodrenaggio è uno dei massaggi indicati in gravidanza: aiuta a favorire la circolazione e a ridurre il senso di gonfiore. Si effettua con manipolazioni delicate, lente e costanti che regalano alla fine un appagante senso di leggerezza.

Il massaggio ayurvedico è una tecnica orientale che porta benessere a mente e corpo. L’unica accortezza in questo caso è evitare di farlo nei primi tre mesi di gravidanza e non trattare i punti energetici legati all’utero. Stesse precauzioni valgono per lo shiatsu, indicato quando si è in dolce attesa. In questo caso, per la precisione, non si tratta di un massaggio ma di un trattamento effettuato attraverso dosate pressioni sul corpo fatte con dita e mani.


Leggi anche: Massaggio in gravidanza, come farlo al meglio


Sempre legato alla riattivazione della circolazione e ad alleviare i fastidiosi gonfiori è il massaggio ai piedi, un toccasana per tutto il corpo, capace, se fatto da mani esperte, di migliorare anche il sonno e la digestione.

Infine, si consiglia in gravidanza anche l’idromassaggio, apoteosi di relax e benessere. In questo caso, la raccomandazione è di non stare in acqua per più di 20 minuti, non esagerare con temperature troppo alte e non rivolgere il getto contro il ventre. Con un pò di buonsenso e gli accorgimenti necessari, un maggaggio in gravidanza è un regalo che ogni donna può e deve concedersi, per rendere l’attesa ancora più dolce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *