foto_soldi_e_gravidanza

Gravidanza a rischio esenzione lavoro: come si richiede

La gravidanza a rischio è definita come una condizione patologica che insorge con la gravidanza o che è preesistente ad essa ma peggiorata dalla gravidanza. Tale condizione determina rischi per la madre e per il bambino ed è nella loro tutela che questa condizione è soggetta a dei benefici da parte della legge, sia da un punto di vista lavorativo che sanitario. Ma come fare per richiederla?

La gravidanza a rischio per la legge è una grave situazione morbosa associata alla gestazione oppure una patologia materna che si è complicata con la gravidanza. Ne sono esempi la gestosi, il diabete, la trombosi venosa profonda, le malattie infettive o le patologie fetali.

È il ginecologo a diagnosticare la presenza di una gravidanza a rischio e sarà quindi il ginecologo stesso a inserire sul ricettario rosso il codice esentivo M50 per la richiesta degli esami che saranno necessari per seguire queste gravidanze.

Se il vostro ginecologo è sprovvisto di ricettario rosso perchè lavora unicamente nel privato, la sua richiesta andrà fatta trascrivere semplicemente dal medico di base. Attenzione però perchè gli esami sono gratuiti solamente qualora siano richiesti su ricettario rosso con codice di esenzione per gravidanza a rischio e qualora vengano eseguiti presso strutture pubbliche o convenzionate (ospedali, consultori e laboratori convenzionati).

Per quanto riguarda le leggi sul lavoro la donna con diagnosi di gravidanza a rischio rientra tra quelle che hanno la possibilità di astenersi dal lavoro chiedendo all’Asl territoriale di competenza, la maternità anticipata.

Bisogna premunirsi di documenti e certificato medico pubblico (non privato). In caso contrario L’ASL può decidere di verificare la veridicità del certificato privato al momento stesso della richiesta. Il certificato rilasciato dall’Asl e la domanda di maternità anticipata vanno poi presentate al datore di lavoro. Da quel momento la donna può già astenersi dal lavoro anche se la domanda verrà accolta in circa 7 giorni.

Anche da ostetrica mi domando spesso come sia possibile che dentro le donne crescano bambini. Amo il fitness e mi occupo di corsi di ginnastica Prenatale e post-natale. Mi piace cantare, ballare, scrivere, recitare e cucinare, ma non so fare niente di tutto questo! :) Email: g.landy@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *