foto_marsupio_ergonomico

Come usare il marsupio per neonati

Il baby carrying, ossia la modalità di portare addosso il neonato per mezzo del marsupio, è sempre più in voga in quanto considerata tra le pratiche più importanti nella relazione mamma-bambino. Le diverse posizioni che il piccolo può assumere a bordo del marsupio lo rendono un accessorio indispensabile sin dai primissimi mesi di vita. Ma ci chiediamo come usarlo? Andiamo a saperne di più.

La sacca marsupiale è tra gli accessori da bambino che completa il corredino del piccolo e che semplifica la vita di tante mamme molto spesso fuori casa. A volte lo si riceve come regalo, altre lo si acquista di proposito ma in ogni caso, non si sa bene idea di come utilizzarlo. Tutti i marsupi, all’acquisto devono essere dotati di libretto di istruzioni completo di disegno illustrativo per facilitarne l’impiego.

Ma come usare il marsupio per neonati? Innanzitutto è necessario indossare il marsupio a seconda della posizione che si desidera collocare il piccolo nella sacca: frontale, laterale o sulla schiena. Successivamente è importantissimo assicurarsi che la cintura e le spalline del marsupio siano ben regolate in quanto esse consentono di bilanciare in maniera adeguata, il peso del bambino sul corpo del genitore.


Leggi anche: Ginnastica col marsupio, tutti i benefici


Il passo successivo permette di collocare il bebè nella sacca, facendo però particolare attenzione alla posizione che andrà ad assumere la sua testa, infatti è opportuno verificare di utilizzare correttamente il poggiatesta di cui tutte le migliori tipologie di marsupio sono dotate.

Grazie al poggiatesta anche neonati di poche settimane di vita possono essere trasportati a bordo del marsupio.

Ovviamente non deve essere trascurata nemmeno la posizione di braccia e gambe del neonato per cui è bene che non restino schiacciate all’interno della sacca ma siano invece lasciate libere e nel caso delle gambe in particolare, il bambino andrà ad assumere la cosiddetta posizione “a ranocchio”, ossia con le ginocchia più in alto rispetto al sederino, con le gambe ben divaricate, in modo tale che il suo peso non si scarichi sulla fragile colonna vertebrale.

Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità, adoro il mondo dei bimbi trascorro con loro la maggior parte del mio tempo facendogli da tata. Mi diletto a scrivere per Passione Mamma e ciò mi riempie di gioia e soddisfazione. Sogno di scrivere un libro dedicato al mondo delle donne in dolce attesa, perché ritengo sia davvero straordinario ciò che la natura ci ha donato. Email: f.fiore@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *