foto_chiama_angeli

Quando si regala il chiama angeli?

Il chiama angeli – conosciuto anche come bola messicana – è una collana che ha il compito di allietare la gravidanza con il proprio suono dolce e, secondo una leggenda, ha pure la capacità di proteggere la mamma e il bambino durante i 9 mesi. Il chiama angeli è un regalo originale e speciale, indispensabile per ogni futura mamma. Ma quando è più opportuno regalarlo?

Il chiama angeli si può regalare già dal primo mese, anche se il bambino riuscirà ad ascoltare il dolce suono emanato da questo gioiello solo dopo il quarto mese. È in questo periodo, infatti, che si sviluppa l’udito del piccolo nel grembo materno.

Grazie a questo prezioso ciondolo per le donne in gravidanza, il bambino riuscirà a capire quando la mamma è in movimento. Inoltre, il feto potrà già comprendere la differenza tra giorno e notte, così da aiutare la sua routine una volta nato.

foto_chiama_angeli_collana

Se si vuole personalizzare il sonaglio per la gravidanza si può aspettare che i genitori conoscano il sesso del piccolo. In commercio si trovano campanellini già personalizzati: in particolare, stiamo parlando dei chiama angeli MAMIJUX®. I pendenti a sfera di questo marchio sono arricchiti da piccoli e graziosi charme a forma di bimbo o di bimba, smaltati in rosa o celeste. Il classico ciondolo per una donna incinta diventa in questo modo particolare e ricercato, ma sempre elegante e raffinato.

chiama angeli per femminuccia

chiama angeli per maschietto

Il chiama angeli, per superstizione, non va mai acquistato dalla donna in dolce attesa ma regalato. Può essere donato dal proprio partner, da un parente o da un’amica. Ma quando si regala il ciondolo chiama angeli in gravidanza?

Una buona occasione potrebbe essere il compleanno della mamma o a Natale. Se il regalo è fatto dal compagno, il ciondolo per mamme in attesa si potrebbe regalare anche a San Valentino, se cade durante la gravidanza, o magari in occasione di un’ecografia o di un tracciato.


Leggi anche: Dove si compra il chiama angeli e quanto costa


Il chiama angeli si può regalare anche ad una donna che non aspetta un figlio ma lo desidera. Infatti, sempre secondo la leggenda messicana ma pure quella che da secoli si tramanda sull’isola di Bali, pare che questo campanellino per donna incinta sia di buon auspicio per chi vuole avere presto una gravidanza. Ovviamente, in questo caso, è preferibile che a regalarla sia una persona molto vicina alla donna, in modo da non apparire scortese e inopportuno.

Infine, va segnalato che il chiama angeli è prezioso non solo durante la gravidanza ma pure dopo il parto. Dopo la gravidanza si può accorciare la collana-sonaglio, in modo che il pendente arrivi sul seno: in questo modo è un utile diversivo per il bambino che viene allattato. Oppure si può utilizzare come strumento per far addormentare il neonato: quel dolce suono ricorderà al piccolo il periodo della gravidanza, quando si trovava nella pancia della sua mamma.

Proprio perché il chiama angeli può essere utilizzato sia durante la gravidanza che dopo, è bene optare per un ciondolo di qualità, che possa durare nel tempo. E, perché no, diventare un prezioso cimelio di famiglia, da tramandare di generazione in generazione!

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *