foto_svezzamento_carne

Quanta carne deve mangiare il bambino durante lo svezzamento

Nella carne è possibile trovare davvero tutte, o quasi, quelle sostanze nutritive che la rendono un cibo decisamente ideale per il nostro bebè non appena raggiunge l’età giusta. E’ necessario introdurla nello svezzamento, non solo perché può essere la base di una molteplicità di piatti che ci aiuteranno a diversificare il menù del nostro bambino, ma anche perché, come già detto, può essere considerato un cibo completo. È ricca di proteine provviste di tutti gli aminoacidi necessari all’organismo che non li produce autonomamente. È una fonte preziosa di vitamine del gruppo B e di ferro. Ma quanta carne dobbiamo preparare per nostro figlio alle prese con lo svezzamento?

La carne va introdotta nel menù del bambino non prima del 4°/5° mese di vista, iniziando con quella bianca tipo coniglio, pollo, tacchino e agnello. Dopo qualche settimana possiamo passare anche al manzo, al vitello e al cavallo. Dal settimo mese, poi, possiamo introdurre anche il prosciutto cotto aspettando il primo anno di vita per passare a tutti gli altri tipi di carne.

Naturalmente il bambino deve abituarsi a questa importante e gustosa novità nelle cose che mangia, soprattutto per via del sapore e della consistenza sicuramente diverse rispetto al suo solito menù. Inoltre è importante procedere gradualmente anche per verificare eventuali intolleranze e allergie del piccolo, oltre che per capire i suoi gusti (quale carne è meglio preferire?).

Il primo step, dunque, consiste nell’aggiungere alla pappa un cucchiaio di carne omogeneizzata o di quella fresca tritata per bene; procediamo così aumentando gradualmente la quantità fino ad arrivare a 80 grammi. Quando il bimbo compie un anno possiamo fargli mangiare un piatto unico a base di carne (frullata o omogeneizzato) con le verdure. Poi man mano passiamo alla carne tagliata a pezzettini.

Andando nello specifico delle quantità, diciamo che a 4-5 mesi la consistenza della carne deve essere cremosa, 20-30 gr di carne fresca oppure mezzo vasetto (40 g) di omogeneizzato. A 6-7 mesi passiamo a una consistenza fine, 30-40 g di carne fresca oppure un vasetto (80 g) di omogeneizzato. Dai 10 mesi la carne può essere data a pezzetti grossolano, sempre 30-40 g di carne fresca oppure un vasetto (80 g) di omogeneizzato.

Giornalista per caso e mamma per scelta, da oltre dieci anni mi diletto con la scrittura collaborando con quotidiani della provincia di Latina, emittenti tv e siti web. Poi, nel 2012, lo 'scoop' della mia vita, mio figlio Francesco, oramai la mia principale fonte d'ispirazione. Email: r.recchia@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *