foto_tiramisù_cuore

Il tiramisù in gravidanza si può mangiare?

Il tiramisù è un dolce molto delizioso, la sua caratteristica principale è quella di dare energia grazie alla sua dose di caffeina ed è un dessert perfetto sia per concludere un pasto in compagnia, ma anche come merenda o per festeggiare qualche evento importante. La sua preparazione è molto semplice, difficile, invece, è rinunciare a questa bontà morbida, fresca e gustosa. Infatti, il tiramisù in gravidanza viene spesso messo da parte per evitare eventuali complicazioni alla salute della mamma e del bambino.

Erroneamente si pensa che la presenza, in particolare, di uova crude nella ricetta classica possano causare la temuta toxoplasmosi, ma l’infezione non ha molto a che fare con questo alimento, che può comunque portare dei problemi. Attraverso le uova è possibile prendere la salmonella che, nei casi più gravi, può influenzare negativamente lo sviluppo del feto e generare difficoltà respiratorie per il piccolo.

Per vivere una gravidanza serena e tranquilla è bene, quindi, evitare di mangiare cibo crudo, sia carne, che uova e di lavare accuratamente frutta e verdura per evitare qualsiasi tipologia di infezione. L’eliminazione di alcuni alimenti, però, non vieta alle future mamme di gustarsi un prelibato dessert per rendere ancora più dolce l’attesa, basta semplicemente cambiare o eliminare degli ingredienti.

La ricetta per realizzare un tiramisù senza uova prevede l’utilizzo di: 400 g di savoiardi da intingere in 100 ml di caffè, per poi posizionarli in una pirofila ricoperti da una crema composta da 250 g di panna per dolci, 500 g di mascarpone o di ricotta, 150 g di zucchero e 200 g di latte. Per concludere bisogna spolverizzare del cacao amaro sopra e lasciare il dolce in frigo per qualche ora e anche il piccolo nella pancia apprezzerà la scelta.

Laureata in Scienze della comunicazione lavoro da anni nella realizzazione di contenuti per il web per condividere esperienze e conoscenze. Scrivere per Passione mamma è un modo per trovare le soluzioni alle mie domande da genitore e per aiutare altre donne ad affrontare la maternità senza stress, ansie e timori, ma con gioia e serenità. Email: i.aurino@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *