foto_bimbo_mangia

I 5 cibi migliori per bambini dai sei mesi ai tre anni

Fin dallo svezzamento, bisogna seguire una corretta alimentazione per il proprio figlio. In particolare ci sono dei cibi che aiutano lo sviluppo dei più piccoli. Dopo i sei mesi, i bambini devo assumere giornalmente vitamine e minerali, in modo da favorire una corretta crescita. Quali cibi deve quindi mangiare un bambino?

1. Verdure

Ricche di vitamine, minerali e fibre, vanno introdotte già a partire dallo svezzamento in modo che non le rifiuti poi crescendo e imparando così ad apprezzarle subito. Le verdure aiutano a crescere in modo sano e a proteggere da alcune malattie. Si può iniziare con patate, carote e zucchine, da introdurre nel brodo vegetale; dal settimo mese in poi via libera a zucca, fagiolini, spinaci e finocchi mentre dal nono mese possono essere introdotti gli asparagi. Le verdure crude vanno fatte assaggiare al bambino solo dopo i due anni d’età, quando ha ormai completato il periodo dello svezzamento ed è in grado di mangiare un po’ di tutto.

2. Pesce

Fonte di proteine, vitamine e minerali, senza dimenticare che gli Omega-3 sono utili per lo sviluppo del cervello. Per i bambini più piccoli, però, il pesce va preparato accuratamente, cotto a puntino, e pulito di tutte le eventuali spine, che potrebbero creare fastidio. Da segnalare, poi, che non tutti i tipi di pesce vanno bene: da evitare il pesce spada, quello squalo e il marlin, che sono troppo ricchi di mercurio e potrebbero influenzare negativamente il sistema nervoso di vostro figlio.

3. Pollame e carne rossa

La carne contiene proteine, ferro e zinco. Quando il bambino ha sei, sette mesi il ferro che gli è stato tramandato dalla mamma durante la gravidanza comincia ad esaurisi: per questo è importante che lo assuma in maniera autonoma. Durante lo svezzamento si può iniziare con il pollo, che può essere cucinato in molteplici modi, per poi passare a carne di maiale, manzo e agnello. Da non dimenticare di cuocere bene la carne ed eliminare eventuali ossa.

4. Legumi

Altra fonte di proteine e vitamine: non devono mai mancare nell’alimentazione dei bambini ma anche dei grandi. Con quali cominciare? Con le lenticchie, intorno agli otto mesi, che sono semplici da preparare e facili da digerire per il piccolo.

5. Latte

Una volta finito l’allattamento, il bambino non deve smettere di bere latte: è la bevanda essenziale per lo sviluppo delle ossa. Durante lo svezzamento, se la mamma vuole può continuare ad allattare, oppure si può introdurre prima il latte vaccino e poi quello di mucca.

Clicca qui per sapere invece quali cibi un bambino non deve mangiare fino ai tre anni!

Curiosa, testarda e determinata. Laureata in Comunicazione, Editoria e Scrittura, ho iniziato a lavorare nel mondo del giornalismo all'età di 18 anni. Adoro i bambini e la loro purezza; sogno una famiglia numerosa con 5 figlie femmine. Riuscirò nell'impresa? Intanto mi alleno scrivendo per Passione Mamma! Email: a.latilla@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *