foto_calci_pancia

Gravidanza, primi movimenti fetali: cosa si sente?

Intorno al quarto-quinto mese di gestazione o per la precisione fra la 16° e la 20° settimana di gravidanza, è possibile che la futura mamma avverta dei lievi movimenti in pancia del proprio bimbo. Partendo dal presupposto che il feto in questo periodo è comunque ancora troppo piccino per far riconoscere nitidamente i suoi calcetti o spostamenti nel ventre materno, si può però affermare che alcune donne più sensibili riescono a percepire questi primi sussulti.

Non esiste una data comune ad ogni gestante, e ciò perché dipende da quanto si è abituate a sentire i propri impulsi corporei e nel 90% dei casi le donne hanno all’inizio difficoltà nel sentire questi movimenti fetali che per di più all’inizio sono ingannevoli perché facilmente confondibili con la costipazione, aria in pancia ecc. Man mano però si potrà riscontrare come un formicolio, una sorta di farfallio nel ventre, o meglio ancora un movimento paragonabile a quello che fa un pesce rosso in un picco acquario. Mettendo da parte il senso metaforico/figurativo si può affermare che se si percepiscono dei crampi nella zona dell’osso pubico o poco sopra, è indiscutibilmente il figlioletto.

Generalmente è possibile avvertire questi primi movimenti fetali la sera oppure dopo o durante i pasti, a causa degli zuccheri che gli arrivano mentre si mangia. Man mano che il bimbo crescerà, specie nell’ultimo trimestre, questi suoi movimenti saranno ampliati.

Comuni saranno le sensazioni di ricevere dei calci, di stiramento del corpicino del feto, perché lo spazio a volte per lui sarà ridotto e vorrà distendere le gambine, ma anche gomitate o manine su di un lato del pancione materno saranno percettibili alla mamma e a chi le è vicino, che si divertirà nel veder questi spostamenti del ventre. Insomma i movimenti fetali specie all’inizio sono emozionanti, perché danno alla madre la sensazione di avere un piccolo inquilino in pancia, fanno percepire realmente che si è in due e non più in uno.

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *