foto_primo_bagno_mare

Neonato al mare: con o senza pannolino?

Noi siamo figli di una generazione in cui i bambini di ogni età giocavano sulla spiaggia senza costumino, liberi di prendere il sole in modo integrale. Oggi, vuoi la giusta informazione riguardante le conseguenze dei raggi solari sulla pelle, o semplicemente la paura di trovarsi come vicino di ombrellone un male intenzionato, si tende a coprire le parti intime dei pargoli al mare.

C’è però un dubbio sui più piccini che permane in alcune madri, e cioè se far indossare il pannolino al proprio neonato sulla spiaggia; in quanto troppo piccolo per camminare e giocare con la sabbia, e sempre posizionato fra le braccia dei genitori pronti a fargli da scudo protettivo.

Indubbiamente anche se il bebè non viene a contatto diretto con la sabbia perché troppo piccino, qualche granello può sempre ritrovarselo sul suo corpo delicato. Ecco perché, oltre a cercare di tenerlo il più possibile al riparo dall’eventuale venticello da spiaggia, è indispensabile trovare una soluzione comoda e pratica per la madre e soprattutto per il figlio.

Per fortuna, esistono i costumi a pannolino creati proprio dalla necessità di far evitare ogni tipo di irritazione alle parti intime del pargolo, anche se il bambino è troppo piccolo per fare il bagno al mare,va comunque protetto da schizzi d’acqua, eventuale sabbia e sole.

Inoltre per una questione d’igiene è importante che il neonato, non essendo in grado di esprimere la volontà di fare i suoi bisogni, abbia addosso una protezione equivalente ad un pannolino solo che ha differenza di quelli tradizionali, questi non si gonfiano a contatto con l’acqua. Inoltre si indossano proprio come dei costumini e si vendono in qualsiasi negozio per bambini.

In conclusione ognuno è libero di tenere i propri figli al mare come più ritiene giusto, ma va sempre ricordato quanto sia indispensabile proteggerli con creme solari ad alta gradazione protettiva, soprattutto se si vuol lasciare il neonato senza costumino. Altrimenti, la pratica soluzione alternativa, resta senza ombra di dubbio il pannolino acquatico.

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *