foto_gravidanza

Gender reveal party: la festa per far conoscere il sesso del bebè

Gli americani lanciano delle mode simpatiche soprattutto per quanto riguarda il mondo della maternità, così ecco che l’ultima tendenza made U.S.A. è il gender reveal partye cioè una festicciola organizzata per far conoscere ad amici e parenti il sesso del nascituro. Attenzione però il più delle volte anche i futuri genitori non sanno se avranno un maschietto o una femminuccia e lo scopriranno anche loro durante il festoso evento.

Praticamente si tratta di una sorta di baby shower dove però vi è un mistero da svelare, che sarebbe proprio il sesso del bebè.

Per rendere il party perfetto i genitori quando andranno a fare l’ecografie chiederanno al dottore di non farsi dire se si aspetta un maschietto o una femminuccia, ma lo faranno scrivere su di un foglietto chiuso in una busta opaca e sigillata, che verrà consegnata ad una persona di fiducia per la coppia, oppure sarà lo stesso ospedale a confidare il segreto soltanto il giorno del party.

Alla festa non si saprà ancora se si aspetta un figliolo o una figliola, e i colori predominanti degli addobbi saranno sia il rosa che l’azzurro con un bel punto interrogativo messo come centro tavola. Il complice dei futuri genitori, o un membro dello staff dell’ospedale stesso, avrà fatto preparare una torta misteriosa per l’evento. La special cake, all’interno avrà una glassa colorata a seconda del sesso del bebè. Così mamma e papà scopriranno soltanto al taglio del dolce se si tratta di una bimba o di un bimbo. Il contenuto della crema rosa o azzurro, renderà quindi nota la notizia a parenti amici e ovviamente alla coppia in attesa.

Un altro modo per celebrare la scoperta in compagnia è quello di aprire durante il party una scatola con dentro dei palloncini pronti a volare. Anche in questo caso, al momento dell’apertura, il colore rosa o azzurro indicherà il sesso del bebè in attesa. Ma le particolarità di questa festa non finiscono qui perché addirittura durante l’evento si creano due schieramenti: un team boy e un team girl, cioè due squadre che sperano rispettivamente per una femminuccia o per un maschietto.

La domanda che sorge alla fine però è questa: quanto è importante il sesso di un figlio per gli amici e i parenti ma soprattutto per i genitori? Davvero vale la pena fare un party del genere?.

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *