foto_giada_desideri

Giada Desideri intervista, l’attrice diventa blogger: nasce CurvyJade

È un’artista poliedrica Giada Desideri. La popolare attrice – nonché moglie dell’attore e doppiatore Luca Ward – ha deciso di mettersi in gioco nel mondo della moda e del web aprendo un fashion blog a sua immagine e somiglianza: CurvyJade. Lo spazio virtuale, che verrà inaugurato il prossimo 20 giugno, è un modo per mostrare il mondo della moda con gli occhi di una donna e madre in tutte le sue sfaccettature dalla quotidianità. Eleganza, semplicità e classe sono gli elementi principali di CurvyJade, un portale che mostra le mille sfaccettature della bellezza. Giada vuole sovvertire quei canoni di bellezza standardizzati e restrittivi, restituendo alle donne la spensieratezza delle curve. Donne, famiglia, bellezza, moda, sono solo alcuni dei temi che CurvyJade vuole affrontare, dando centralità e valore alle donne e al loro mondo. Curvy Jade è più di un blog, è un supporto reale per la valorizzazione della femminilità.

1. Dalla recitazione al blog: come è nata l’idea di questa nuova avventura? Da oggi possiamo definirti una vera e propria fashion blogger?

Già tempo fa mi era stata proposta questa iniziativa, ma all’epoca non gli ho dato molto peso. La vita di tutti i giorni ti fagocita tra il lavoro, le responsabilità e la gestione familiare, tanto che molte cose svicolano via. Ho trascorso un periodo della mia vita difficile e questo ha fatto sì che trascurassi me stessa. Arriva un giorno in cui ti guardi allo specchio ma non ti riconosci più e ti dici che forse a questo punto la tua vita è tutta in discesa e ti adeguerai a quanto accadrà con passività, senza avere obiettivi da seguire per sentirti più viva e forte. Ma il grande amore per la mia famiglia e il mio forte senso di responsabilità hanno fatto sì che decidessi di volermi rimettere in gioco in maniera diversa, anche se il mio lavoro non l’ho mai abbandonato del tutto e da qui nasce la voglia di dare voce a tutte quelle donne che non sono mai state una taglia 42 o che non possono esserlo o che non lo saranno mai. Definirmi una vera e propria fashion blogger? Be, non saprei. Dovremmo chiederlo a chi è già una vera fashion blogger. Io per ora mi sento semplicemente una donna come tante altre.

2. Quando hai cominciato ad interessarti al mondo della moda?

Nel 1983, in Sardegna, sono stata fermata da un fotografo, Douglas Hopkins, che collaborava all’epoca per la rivista European Travel and Life, per fare degli scatti indirizzati alla suddetta rivista. Gli stessi scatti approdarono poi sulla scrivania di Eileen Ford, fondatrice della famosa agenzia di moda Ford Models di New York. Lei volle incontrarmi e, dopo un lungo colloquio, mi propose di trasferirmi per un periodo di prova nel suo ranch, dove ospitava le sue modelle, e dopo una serie di test fotografici avrebbe deciso, al compiere dei miei 16 anni, di farmi firmare il contratto per entrare nella sua agenzia. Io non me la sentì e volli tornare a Roma, a casa, tra i miei amici e abitudini di una ragazza di 13 anni. Cominciai però a collaborare con un’agenzia sua corrispondente su Roma e da lì iniziarono le prime sfilate e i primi servizi fotografici. Grazie alla stessa agenzia feci anche un provino per un film di Luigi Comencini con Gianmaria Volonté e Diego Abatantuono, Un ragazzo di Calabria. Mi presero e da allora iniziò il mio percorso di attrice.

3. Il tuo blog è incentrato sulla donna curvy: come mai questa scelta?

Bisogna volersi bene, anche con qualche chiletto in più! Viviamo in una società che ci usa e poi ci sputa via quando non serviamo più. Questo atteggiamento c’è ovunque: nel lavoro, nei rapporti interpersonali, nelle amicizie. E se noi non siamo forti per superare le difficoltà che la vita ci propone quotidianamente, ci lasciamo andare.

4. A che tipo di lettrice si rivolge CurvyJade e qual è l’intento principale del blog?

Mi sento di dire che anche una donna curvy ha il diritto di sentirsi attraente e affascinante, ha il diritto di piacere e piacersi.

5. Sei moglie e madre: nel tuo blog troveremo anche consigli di vita oltre che quelli di moda?

Assolutamente sì. Più che consigli direi indicazioni o suggerimenti. Il filo conduttore rimarrà comunque sempre la valorizzazione del proprio corpo con idee e suggerimenti per la cura della persona, del trucco, con indicazioni di moda e shopping. Il tutto colorito da una traccia di buona e sana ironia che rende la mia vita più rosea.

6. C’è qualche blogger alla quale ti ispiri in particolare?

Nessuna in particolare. Cerco di comunicare un messaggio il più semplice possibile, sperando di essere di conforto e simpatia alle persone.

7. Chi ti ha sostenuto in questo progetto, chi vuoi ringraziare?

Vorrei ringraziare il mio gruppo di partenza: il coordinatore di Immagine Eduardo Tasca, amico da sempre, che mi ha spronato a creare un blog; la creatrice vera e propria del blog insieme al suo staff, Janet De Nardis; Maria Rita Marigliani che ha curato tutta la parte stampa, davvero un ottimo braccio destro. E per ultimo, ma non per importanza, mio marito Luca Ward che ha sostenuto questa mia iniziativa fin dall’inizio, quando ancora era un’idea vaga, spronandomi e dandomi tanta fiducia.

8. Dammi tre motivi per non perdersi il nuovo blog CurvyJade!

Terapeutico, perché alcune indicazioni potrebbero essere d’aiuto e condividere rende più leggeri i fardelli. Passionale, perché fatto con il cuore. E infine morbido perché in natura non esistono linee dritte: un albero non sarà mai composto solo da degli stecchi dritti ma è pieno di sfaccettature quindi: viva le donne curvy!

giada-desideri-curvyjadegiada-desideri-luca-wardGiada Desiderigiada-desideri-telegatti
<
>

Curiosa, testarda e determinata. Laureata in Comunicazione, Editoria e Scrittura, ho iniziato a lavorare nel mondo del giornalismo all'età di 18 anni. Adoro i bambini e la loro purezza; sogno una famiglia numerosa con 5 figlie femmine. Riuscirò nell'impresa? Intanto mi alleno scrivendo per Passione Mamma! Email: a.latilla@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *