foto_mamma_figlio_cellulare

Genitori distratti dal cellulare, a rischio la sicurezza dei figli

I bambini sono forze della natura: instancabili, scatenati, capaci di mettersi nei guai anche nei posti che consideriamo più protetti. Per la loro naturale curiosità, voglia di giocare e sperimentare non percepiscono il pericolo per questo bisogna stare sempre all’erta. La vigilanza è costante fin da piccolissimi, ma quando iniziano a gattonare e poi a camminare, allora è il momento di tenere sempre attivo il nostro radar di controllo. Fatto sta che le distrazioni sono tante e negli ultimi anni una fetta consistente della nostra attenzione viene convogliata nel cellulare. Sempre a portata di mano, non perdiamo uno squillo, un messaggino e non ci sfugge una delle mille notifiche. L’ossessione per lo smartphone però potrebbe mettere in pericolo i nostri bambini.

A sostenerlo, oltre al buon senso, arriva anche uno studio britannico condotto dal Child Accident Prevention Trust, sugli effetti nocivi della dipendenza da dispositivi mobile. Il rischio per la sicurezza dei bambini aumenta se mamma e papà vengono distratti troppo dal cellulare, non si accorgono dei pericoli e mettono a repentaglio la salute dei piccoli.

Basta distogliere lo sguardo per pochi istanti, infatti, e i bambini ne approfittano per mettersi nelle condizioni di farsi male. A volta non ce ne rendiamo neppure conto, ci viene automatico dare uno sguardo allo smartphone, mentre i bimbi sembrano giocare tranquillamente. E invece, nel frattempo loro possono escogitare di tutto.

I dati della ricerca fanno riflettere: uno su quattro dei 2.000 genitori intervistati ha ammesso di non essersi assolutamente accorto del pericolo che stava correndo il figlio, mentre il 15% ha dichiarato di aver sfiorato la tragedia, magari attraversando la strada senza guardare. Per non parlare dell’uso del telefonino mentre si è alla guida.

Gli studiosi, quindi, lanciano un monito ai genitori affinché cambino il loro atteggiamento: il cellulare può essere un grande alleato, ma va sempre usato con criterio. Sarebbe opportuno metterlo da parte quando si sta coi bambini, a cominciare da quando si è a tavola tutti insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *