foto_teatro_bambini

Anno scolastico 2016-17: il teatro diventa materia didattica

Con la riforma sulla -Buona Scuola-, il Teatro entra a far parte dell’offerta didattica delle scuole italiane di ogni grado ed ordine. Quindi, a partire dall’anno scolastico 2016-2017 si avrà l’obiettivo di creare negli studenti un’adeguata sensibilità e cultura artistica al Teatro come materia fondamentale per comprendere al meglio l’identità del proprio Paese.

Il Sottosegretario Davide Faraone ha presentato le linee guida del MIUR sulle indicazioni strategiche per l’utilizzo didattico delle attività teatrali da fare in ogni istituto, lo scorso 27 marzo presso il Teatro Vascello di Roma.

Durante l’evento, in una platea gremita, sono anche stati premiati dei giovani che hanno partecipato al concorso “Scrivere il Teatro”, proprio a dimostrazione dell’importanza di questa disciplina.

La notizia di questa nuova introduzione formativa si sta diffondendo sul web fra i giovani studenti e gli addetti del settore. Non bisogna infatti, sottovalutare l’importanza psicofisica del teatro per la formazione dei giovani, proprio perché ad esempio nei bambini questa disciplina, vista come gioco, sviluppa la creatività. Negli adolescenti, invece, può aiutare a superare le classiche paure relative all’età, ma soprattutto arricchisce il proprio bagaglio culturale.

Con questa introduzione normativa, il teatro abbandona definitivamente il carattere di offerta extracurricolare aggiuntiva, elevandosi a materia complementare. Inoltre, ci sarà una vera e propria fruizione degli spettacoli da parte degli studenti che non solo agiranno durante il corso dell’anno come spettatori attivi alle diverse proposte rappresentative, ma dovranno anche parteciparvi. Essi elaboreranno produzioni, progettazioni e realizzazioni di interi spettacoli teatrali o di alcune parti di essi scrivendo ad esempio un unico soggetto o progettando una scenografia, una coreografia, o curando una colonna sonora ecc.

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *