foto_dolori_ciclo

Livia, il dispositivo elettronico contro i dolori mestruali

Dolori mestruali addio, da oggi ci pensa una soluzione innovativa capace di alleviare ogni fastidio: si tratta di Livia un dispositivo creato proprio per quel periodo del mese di tutte le donne. Questo strumento è capace di sintonizzare la frequenza d’onda del crampo percepito bloccandolo nell’immediato con degli impulsi elettrici, ed è stato progettato per fermare quindi i ricettori del dolore dal cervello al corpo.

Livia non è l’ennesima invenzione per ostacolare il dolore al ciclo, che promette tanto e poi non dà risultati: essa è formata da due cuscini in gel piccini collegati a loro volta al dispositivo colorato, questi vengono disposti sul basso ventre, o sulle zone dove persiste il fastidio mestruale. L’intensità può poi esser regolata con le funzioni ” + o – ” e la sensazione durante l’accensione dell’apparecchio è pari a delle leggere punturine che agiscono sulla parte interessata come una leggera vibrazione, riuscendo così a diminuire man mano il fastidio mensile che a volte destabilizza completamente la donna stessa.

Il dispositivo elettronico può esser messo anche sopra ai pantaloni o a qualsiasi tipo di indumento senza doversi perciò spogliare. Attualmente Livia è in cerca di finanziamenti seri, ma si sta facendo notare grazie alla sua enorme pubblicità che circola online.

Il video di presentazione, infatti, è molto divertente: vi è una ragazza che decide di rinunciare a tutte quelle pasticche o antidolorifici per il ciclo e le getta tutte nel WC, dopo di ciò applica i coloratissimi cuscini piccini sotto i suoi abiti, aziona il dispositivo e il dolore pian piano smette. Insomma per noi donne affette da sindrome mestruale potrebbe esser giunta finalmente la svolta contro il dolore.

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *