foto_gelato con il pancione

Il gelato artigianale può provocare la toxoplasmosi?

Con la bella stagione, la tentazione di mangiare il gelato non risparmia nessuno, soprattutto se siamo in gravidanza. Anche e soprattutto se si è in dolce attesa, è più che normale desiderare un alimento fresco e gratificante come un gelato artigianale, dobbiamo però porre la massima attenzione sugli ingredienti che vengono utilizzati per fare il gelato!

Alcuni alimenti possono essere pericolosi per il loro rischio di farci contrarre patologie come la toxoplasmosi!
Uno degli ingredienti fondamentali del gelato è il latte.

Il latte utilizzato nella preparazione dei gelati, per essere adatto al consumo, non solo delle donne incinte, ma anche di bambini ed adulti, deve essere pastorizzato prima di essere unito agli altri ingredienti.

La pastorizzazione è una procedura tramite la quale il latte, raggiungendo un’alta temperatura, subisce l’eliminazione di tutti gli agenti patogeni e parassitari, inclusi quelli che causano la toxoplasmosi.

Oltre al latte, anche la presenza delle uova potrebbe essere pericolosa.
Tutte sappiamo, perché ci siamo informate dal nostro ginecologo o semplicemente grazie al nostro buon senso, che ci sono alcuni alimenti che è preferibile non consumare in gravidanza, ma spesso, a fare la differenza tra cosa si può mangiare e cosa no, non è solo il tipo di alimento, ma soprattutto le procedure alle quali questo alimento viene sottoposto durante la sua preparazione o per la sua conservazione.

Come ad esempio il processo di affumicatura usato per alcuni alimenti.

Ci sono alcuni gusti di gelato, come il tiramisù e lo zabaione che vengono preparati con le uova.

Nonostante la quasi totalità dei gelatieri utilizzi uova disidratate e liofilizzate, in gravidanza è preferibile non mangiare gusti preparati con le uova.

Altri gusti che sarebbe meglio evitare sono quelli con base alcolica o caffè e quelli con colori particolarmente vivaci, dati dall’utilizzo di coloranti industriali.

Oltre ai suggerimenti che abbiamo già dato nel nostro precedente articolo sul gelato in gravidanza, ci sono alcuni consigli per scegliere il gelato migliore da consumare specie in gravidanza:

  • preferire gelati artigianali con una lista di ingredienti esposti, tra i quali additivi e addensanti;
  • meglio scegliere gelati alla frutta che, rispetto a quelli alla crema, sono più leggeri e meno calorici, proprio per non superare la quota calorica giornaliera consigliata per la gravidanza e non incorrere in un eccessivo aumento di peso;
  • senza esagerare si possono però mangiare, però, anche gusti alla crema, che contengono proteine e lipidi del latte.

Chi soffre o è a rischio di diabete gestazionale deve abolire completamente il gelato dalla propria alimentazione, per tutte le altre, il gelato artigianale, mangiato con moderazione, è buono e fa bene.

Sono un'antropologa culturale amante del buon cibo e della lettura. Mi occupo di comunicazione sia per il web che per la carta stampata. Sono mamma di due meravigliosi monelli dai quali ogni giorno imparo qualcosa di nuovo e lo racconto su Passione Mamma! Email: v.lodestro@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *