foto_diabete_gestazionale

Diabete gestazionale: quando misurare la glicemia

Il diabete gestazionale è uno dei rischi nei quali si può incappare in gravidanza. A cavallo tra il secondo trimestre e il terzo trimestre, in particolare tra la ventiseiesima e ventottesima settimana, si può sviluppare una insulino-resistenza che non consente un corretto trasporto degli zuccheri dal sangue ai tessuti. Questo porta ad un accumulo di zuccheri (glucosio) nel sangue, quindi alla così detta iperglicemia, che ha delle pericolose conseguenze materno-fetali. E’ questo il periodo in cui è necessario almeno una misurazione della glicemia nei soggetti sani.

Anche se questo è il periodo di maggiore incidenza per il diabete gestazionale, tuttavia un diabete può anche essere presente già prima dalla gravidanza. Per questo motivo la glicemia di buona norma rientra nei controlli di routine che si fanno già nel primo trimestre o addirittura in fase pre-concezionale. Se questo valore a digiuno, dovesse risultare alterato, si passerà ad una più attenta misurazione della glicemia.

A discrezione del medico e a seconda della storia clinica della paziente allora si possono seguire due strade. Di solito si valutano vari aspetti: se la donna ha meno di trentacinque anni, è normopeso e non ha mai sofferto di diabete e nè ci sono casi in famiglia, e non ci sono altre patologie della gravidanza come la gestosi, si può semplicemente dosare la glicemia con lo stick glicemico.

Questa misurazione è semplice e senza rischi e permette di dosare la glicemia tramite una piccola puntura sul dito, che la donna può fare da sola a casa. Prelevando una goccia di sangue quindi e intingendo l’apposito stick si può conoscere i valori della glicemia in qualunque momento della giornata: pre prandiale, post-prandiale e ad un o due ore dal pasto, a seconda delle prescrizioni mediche.

In questo modo si avranno informazioni più precise circa l’assorbimento degli zuccheri nelle varie fasi digestive. Se questi valori dovessero risultare alterati è bene eseguire una curva glicemica.

La minicurva glicemica oggi ha sostituito la classica cuva glicemica, con un carico di glucosio minore che si può effettuare anche precocemente tra le 16 e le 18 settimane. Questo esame tanto discusso e alcune volte abusato, in alcuni casi però dà delle informazioni prezioni sull’assorbimento del glucosio.

Ad esempio la curva glicemica può essere prescritta direttamente, saltando gli stick, laddove il valore della glicemia ai controlli di routine sia alterato in una donna che ha dei precedenti clinici di diabete o precedenti gravidanze con diabete gestazionale, oppure se la gravidanza è già complicata da una gestosi.

Anche da ostetrica mi domando spesso come sia possibile che dentro le donne crescano bambini. Amo il fitness e mi occupo di corsi di ginnastica Prenatale e post-natale. Mi piace cantare, ballare, scrivere, recitare e cucinare, ma non so fare niente di tutto questo! :) Email: g.landy@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *