foto_bambino_morde

Cosa fare se il bimbo comincia a mordere

I bambini attraversano varie fasi dello sviluppo, ognuna con le sue difficoltà e le sue grandi conquiste. Camminare, parlare, giocare con mamma e papà, togliere il pannolino sono solo alcune delle tappe della crescita. Accanto a queste, edificanti per i cuccioli e gratificanti per i genitori, ve ne sono altre meno simpatiche, ma che rientrano comunque nel normale circuito del cambiamento infantile. A un certo punto, può succedere – e accade spesso – che il piccolo cominci a mordere gli altri. Come comportarsi in questi casi?

Innanzitutto, è bene non farne una tragedia. Certo non è carino sentirsi dire da un altro genitore o dall’educatrice del nido che il proprio figlio ha fatto del male a un altro bambino, ma enfatizzare l’accaduto non aiuta.

Può capitare per svariati motivi, la bocca è utilizzata fin dall’inizio come strumento per conoscere il mondo e in seguito, tra i 24 e i 36 mesi, quando ancora non si ha la giusta padronanza di linguaggio, serve anche a comunicare dissenso, rabbia, frustrazione o qualsiasi altra forma di disagio.

Naturalmente, essendo un comportamento sociale “riprovevole”, non bisogna neppure minimizzarlo: la vittima ha provato dolore e magari è rimasto anche un fastidioso segno della ferita. L’atteggiamento corretto dovrebbe essere quello di far capire con fermezza al bambino che non si fa, guardandolo negli occhi per essere sicuri che stia ascoltando e abbia capito.Urlare o minacciarlo da lontano non serve, creare dei sensi di colpa neppure. Restituirgli il morso men che meno.

Se notiamo che il bambino ha questa tendenza, una buona regola da seguire è quella della prevenzione. Quindi, se la situazione si fa “critica”, magari per un giocattolo conteso, sarebbe meglio distrarlo.

Un altro saggio consiglio è quello di non mordicchiarlo per dimostrargli il nostro affetto, altirmenti il messaggio che passa sarebbe contrastante: mamma può farlo e io no? Un gesto d’affetto si potrebbe trasformare in un via libera pericoloso, trasformando il nostro piccolo tesoro in un morsicatore seriale allontanato da tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *