Differenze tra cibi cotti in casa e omogeneizzati

Quando si predilige lo svezzamento tradizionale all’autosvezzamento è possibile compiere la scelta su come alimentare il bambino: o pappe preparate in casa da introdurre gradualmente nella sua dieta, oppure preferire i noti omogeneizzati. Premesso che, a parità di valore nutritivo, sono entrambi validi, (probabilmente il cibo cotto in casa può avere qualche caloria in più), vediamo sotto altri aspetti quali possono essere le differenze tra cibi cotti in casa e omogeneizzati.

Poiché non vi è una differenza significativa dal punto di vista nutritivo fra questi tipi di alimenti, vogliamo prendere in considerazione altre differenze che potrebbero essere di aiuto nella scelta dell’uno e dell’altro modo con cui alimentare il bambino. Vediamo allora quali sono le differenze tra cibi cotti in casa e omogeneizzati:

  • la comodità, i cibi cotti in casa possono rivelarsi una vera seccatura in termini di preparazione, infatti occorre fare una cucina ed una spesa a parte, tuttavia, non dovrebbe risultare un problema apportare qualche modifica al cibo che già si prepara per tutta la famiglia. Con gli omogeneizzati, essendo prodotti già pronti ad ogni eventualità, questo “problema” si supera facilmente. Inoltre i cibi preparati in casa sono più difficilmente trasportabili rispetto alle pappe in vasino;
  • l’adattabilità: le pappe cotte possono adattarsi all’appetito, al gusto e alla digestione del bambino. Possono inoltre essere variate nell’aspetto e nella consistenza per andare incontro ai gusti del piccolo. Cibi diversi possono essere serviti separatamente in modo che il bambino scopra gli alimenti che preferisce e possa scegliere. Inoltre quando il bambino è un pò più grande, il cibo cotto in casa può essere servito in modo che lo possa mangiare da solo con le sue manine: verdure, formaggio, ecc a pezzetti o grattugiati, anziché sotto forma cremosa. Negli omogeneizzati, invece, il pasto è mescolato in maniera uniforme ed il bambino potrebbe anche annoiarsi di trovarsi davanti sempre lo stesso piatto e non potrà mai
    sperimentare di mangiare con le mani;
  • il gusto: se il bimbo si alimenta con del cibo preparato in casa, si abituerà a più di un sapore oltre che alle diverse consistenze di cui un cibo si compone e si accorgerà crescendo di mangiare come gli altri componenti della famiglia; mentre per ciò che riguarda gli omogeneizzati come detto sopra, i sapori sono uniformi e dunque un omogeneizzato al gusto di mela, non abitua il bambino al sapore aspro di una mela, lo condiziona molto alla consistenza cremosa di queste pappe da non gradire in seguito il cibo che bisogna masticare. Il bambino si rende conto che il suo cibo, non è affatto simile a quello dei grandi.
Svezzamento-quantita-pappaSvezzamento-carnesvezzamentocos'è l'autosvezzamento
<
>

Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità, adoro il mondo dei bimbi trascorro con loro la maggior parte del mio tempo facendogli da tata. Mi diletto a scrivere per Passione Mamma e ciò mi riempie di gioia e soddisfazione. Sogno di scrivere un libro dedicato al mondo delle donne in dolce attesa, perché ritengo sia davvero straordinario ciò che la natura ci ha donato. Email: f.fiore@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *