foto_altalena_jumper

Alternativa al girello: l’altalena jumper

In America e in Canada è già entrata a far parte di tutte le famiglie con bambini, spiazzando totalmente il girello: stiamo parlando dell’altalena jumper. Gli esperti oggi sono tutti concordi con l’affermare che il girello è da abolire, in quanto potrebbe disturbare l’apprendimento psicomotorio del bambino. In alternativa consigliano il carrettino primi passi una specie di sostegno anteriore con le rotelle che il bambino può spingere in avanti. Se li avete provati tutti e due però vi sarete accorti delle sostanziali differenze pratiche.

In termini strettamente pratici infatti bisogna ammettere che il girello è una soluzione diabolicamnete efficace per riuscire ad avere qualche minuto di autonomia in casa. Il boxer non è altrettanto efficace. Si contano sulla punta delle dita i bimbi che amano restare da soli rinchiusi in quella specie di gabbietta.

Nel girello invece il bambino ci va volentieri, si diverte perchè si sente al sicuro mantenuto dall’imbracatura a mutandina e può scorrazzare per tutta la casa in piena tranquillità senza pericolo di cadere. Per una mamma sola questo vuol dire 10 o 15 minuti di libertà in cui poter fare una doccia o le faccende di casa.

Il carrettino primi passi, diciamocelo, non è la stessa cosa. Per utilizzarlo il bambino deve già aver acquisito una certa padronanza del suo equilibrio e sarà comunque piuttosto impegnativo. Una piccola fatica che forse non sempre gli andrà di fare e che in ogni caso va fatta con la supervisione di mamma e papà perchè c’è sempre il rischio di cadere. Insomma imparerà anche a camminare meglio (?)come dicono gli esperti, ma addio quarto d’ora di libertà per le mamme.

Qui di seguito invece vi propongo una alternativa allettante, che non è stata ancora demonizzata e dove il bambino può giocare muovendosi e imparando in totale sicurezza. Si chiama altalena jumper. È come una imbracatura composta da una mutandina collegata a delle bretelle elastiche. Tutto il meccanismo viene montato sulle cornici delle porte o in alternativa su un supporto da acquistare assieme all’altalena, e il bambino viene tenuto in leggera sospensione. In questo modo muovendosi potrà saltare rimbalzando. I modelli più avanzati sono dotati anche di una piattaforma musicale dove il bambino atterrando nel salto può suonare toccando con i piedini le immagini della piattaforma. Ad ogni immagine corrisponde un suono, come ad esempio il verso degli animali. In questo modo c’è un duplice apprendimento. In Italia non è ancora in vendita ma potete ordinarla su internet. L’unico limite è il peso: riesce a sopportare a seconda del modello al massimo 11-12 kg.

Anche da ostetrica mi domando spesso come sia possibile che dentro le donne crescano bambini. Amo il fitness e mi occupo di corsi di ginnastica Prenatale e post-natale. Mi piace cantare, ballare, scrivere, recitare e cucinare, ma non so fare niente di tutto questo! :) Email: g.landy@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *