foto_bustine_riciclo
6 cose che si possono fare riciclando le bustine del tè

A volte è proprio non gettando oggetti semplici che si riescono ad avere idee geniali ed anche indispensabili. È il caso delle bustine del tè, che dopo l’infusione, è bene riciclare per fare preziosi e utili per tutta la famiglia. Leggiamo quindi cosa fare conservando adeguatamente i vari filtri aromatici.

  1. Potenziale lenitivo: può accadere un incidente domestico in cucina causato da una bruciatura e così vi è la necessità di attutire la scottatura, specie se la vittima è il figlio piccolo. Ecco quindi che posizionarvi sull’escoriazione una bustina da tè ormai fredda può certamente dar sollievo.
  2. Bracciale per bambina: se la propria piccina è molto vanitosa e vorrebbe ingioiellarsi proprio come la mamma, ma si ha paura di farle indossare dei preziosi di valore, o delle perline, tramite l’utilizzo dei filtri della bevanda aromatica si possono creare simpatici bracciali. Non si deve far altro che unire una serie di bustine usate ma ben asciutte da far passare all’interno di un nastrino da legare poi al polso della bambina, che avrà così il suo innocuo gioiello personalizzato.
  3. Per il benessere degli occhi e dei piedi : utili per le madri che dormono poco, perché i filtri ben strizzati e posizionati per mezz’ora sulle palpebre hanno la capacità di sgonfiarle. Addirittura, se vengono messe a raffreddare le bustine precedentemente in frigo e poi poggiate sugli occhi, arrecano effetto migliore. Se poi si decide di attutire il dolore dei calli dei piedi non resta che adoperarle per un rilassante pediluvio, immergendo quindi le proprie dolenti estremità in una vaschetta piena d’acqua contenente i filtri usati
  4. Per eliminare i cattivi odori: ottimo per togliere dalle dita della mamma che cucina le forti profumazioni di aglio, cipolla, pesce… Basta passare fra le mani una bustina usata come se fosse una saponetta e l’odore sgradevole andrà via.
  5. Concime per le piante: assieme ai fondi di caffè e mescolati al terriccio, sono degli ottimi fertilizzanti per far fiorire il giardino o i vasi posti sul balcone.
  6. Per le pulizie: soprattutto se si vuol lucidare un mobile in legno, senza acquistare prodotti aggressivi e magari inefficaci. Infatti si può immergere una bustina usata dentro ad uno spruzzino riempito per metà di acqua, poi basta scuotere il tutto e procedere nella pulizia. Lo stesso vale per i pavimenti di casa, dove i filtri vanno immersi in un catino con dell’acqua pronta per l’uso. E sempre questo procedimento può esser fatto per togliere ogni macchia di unto o le ditate che lasciano i propri figli in cucina.
bustine appese bustine aroma bustine collana bustine tè
<
>

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *