foto_kefir

Il kefir per i bambini

Innanzitutto rispondiamo a una domanda: cos’è il kefir di latte? Si tratta di un latte fermentato molto simile allo yogurt (la differenza è che nel kefir non c’è solo una fermentazione lattica ma anche alcolica), dal gusto un pochino acido ma dal sapore gradevole. Soprattutto il kefir è ricco di fermenti lattici e probiotici vivi e per questo motivo viene considerata una bevanda capace di apportare numerosi benefici al nostro organismo. Il segreto sta bel fatto che, oltre ai fermenti che garantiscono un corretto funzionamento intestinale, il kefir contiene anche minerali come il calcio, il magnesio, il fosforo e lo zinco; amminoacidi come il triptofano (ha effetti terapeutici sul sistema nervoso); vitamine del gruppo B e vitamina K che regolano il sistema renale e funzionano che da antiossidanti. Ciliegina sulla torta, dal momento che è povero di lattosio il kefir può essere consumato anche da chi ne è intollerante.

Riepilogando, un consumo abituale di questa bevanda garantisce un buon funzionamento dell’intestino e dell’apparato digerente, rafforza le difese immunitarie stimolando la produzione di anticorpi, riequilibra la flora intestinale ed elimina il colesterolo cattivo nel sangue. Dulcis in fundo, mantiene calmi e giovani.

Dopo aver capito cos’è il kefir, cerchiamo di capire anche se è una bevanda adatta ai più piccoli. Sicuramente è adatta alle donne in dolce attesa perché contiene quell’acido folico che, come ben sappiamo, è fondamentale per lo sviluppo del feto.

Ma a quanto pare non fa bene solo alle future mamme, ma anche ai loro neonati visto che somministrare il kefir nei primi mesi di vita del bambino aiuterebbe a prevenire patologie come l’asma, la rinite allergica e la dermatite atopica. Più in generale durante lo svezzamento il kefir aiutare a colonizzare l’apparato digerente diffondendo batteri buoni con tutti i benefici che ne conseguono. Un regolare consumo di kefir, soprattutto nei bambini di età compresa tra i 3 e i 4 anni, sembra riduca il rischio carie. In Russia il kefir viene dato a quei neonati che non possono essere allattati al seno.

IL kefir è consigliato anche per i ragazzini più grandicelli perché è energetico,digeribile e sano, una sorta di spazzino del cibo spazzatura (sapete che fa male anche in allattamento?) che tanti adolescenti adorano.

Tra l’altro il kefir di latte (esiste anche quello d’acqua che, a differenza dell’latro, contiene una minore quantità di fermenti vivi) può essere fatto anche in casa e utilizzato per numerose ricette.

Giornalista per caso e mamma per scelta, da oltre dieci anni mi diletto con la scrittura collaborando con quotidiani della provincia di Latina, emittenti tv e siti web. Poi, nel 2012, lo 'scoop' della mia vita, mio figlio Francesco, oramai la mia principale fonte d'ispirazione. Email: r.recchia@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *