foto_auto familiare
3 cose da tenere in conto quando si compra l’auto per la famiglia

Anche voi state progettando di allargare la vostra famiglia?
Avete considerato che il nuovo nato necessiterà di uno spazio tutto suo in casa ma anche in auto?

Un neonato ha dimensioni ridotte, ma le sue necessità possono essere alquanto ingombranti: dalla navicella del trio, allo spazio per il suo guardaroba, sia a casa che in auto.

L’anno scorso con l’arrivo del nostro secondo figlio, non potendoci permettere di mantenere due auto, siamo stati, ahimè, costretti a cambiare la nostra amatissima, piccola utilitaria per una macchina più grande che ci consentisse di rispondere alle nuove esigenze della famiglia.

Dovendo fare i conti con un budget abbastanza contenuto, ma soprattutto, volendo fare una scelta oculata su un’autovettura che avremmo dovuto guidare sia io che mio marito per almeno 5 o 6 anni, abbiamo riflettuto sui requisiti indispensabili.
Alla fine abbiamo capito che, le tre cose da tenere in conto quando si compra l’auto per la famiglia sono:

  • Lo spazio
    Avere un’automobile di grandi dimensioni è una scelta che condiziona fortemente chi la guida, sia dal punto di vista economico, generalmente le macchine più grandi sono più potenti quindi hanno consumi più alti sia di carburante che di gestione (assicurazione, bolli, ecc), sia dal punto di vista pratico, la mobilità, specie nelle città più trafficate, può rappresentare un handicap (sia nei percorsi su strada che per la difficoltà di trovare parcheggio).

    Ma le necessità familiari spesso condizionano quelle individuali, quindi talvolta si è costretti a fare delle scelte che, seppure più disagevoli per il singolo, sono vincenti quando l’utilizzo dell’autovettura è comune, perché a bordo ci sono anche due o più bimbi.

    Le tipologie di automobili più spaziose sono sicuramente le station wagon, i monovolume o i suv.
    La scelta della categoria, oltre che dalla finalità, è determinata anche dal gusto personale, dalla tipologia di guida che si preferisce e dal prezzo ovviamente.

  • La comodità del guidatore e dei passeggeri è sicuramente un altro requisito indispensabile.
    Anche riguardo questo, le scelte sono personali, ma credo valgano alcuni presupposti di base, come, ad esempio, un portabagagli pratico da caricare, oltre che spazioso, e una seduta confortevole, che consenta una buona collocazione dei seggiolini auto per i bambini.
    Penso poi che, che alcuni opzional, come le luci posteriori all’interno dell’abitacolo, piuttosto che la presenza dei portaoggetti, possano essere dei vantaggi, ma non necessariamente indispensabili.
  • La sicurezza è il primo requisito sia a livello personale che, a maggior ragione, quando l’autovettura serve per trasportare tutta la famiglia.
    Se volete concedervi qualche lusso in più in termini di marca, cilindrata, design o equipaggiamento, comprate un’auto usata, ma preferite un concessionario che possa darvi almeno due anni di garanzia o comunque attestare il corretto funzionamento del veicolo.

Le auto familiari sono talvolta meno attraenti, agli occhi dei nostri mariti o delle mamme più sportive, ma privilegiare questi 3 aspetti menzionati rappresenterà sicuramente una scelta vincente in termini pratici.

Se non vogliamo sobbarcarci i costi per il mantenimento di due auto, ma abbiamo un po’ di nostalgia di una guida più sportiva, possiamo sempre decidere di trascorrere una giornata in un circuito, scegliendo magari di fare da piloti dell’auto dei nostri sogni, anche se solo per poche ore!

Sono un'antropologa culturale amante del buon cibo e della lettura. Mi occupo di comunicazione sia per il web che per la carta stampata. Sono mamma di due meravigliosi monelli dai quali ogni giorno imparo qualcosa di nuovo e lo racconto su Passione Mamma! Email: v.lodestro@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *