foto_sposa_battesimo

Matrimonio e Battesimo insieme: 3 motivi per farli lo stesso giorno

Serena ha fatto così! E non è la sola, negli ultimi anni molte mamme hanno deciso di sposarsi lo stesso giorno in cui battezzavano i loro bambini. Un’unica grande festa! Ma perché? Quasi sempre le donne che uniscono queste due cerimonie prima così intime e private (specie il battesimo) in un’unica occasione per festeggiare, sono giovani donne diventate mamme quasi per caso, e che ancor meno pensavano di diventare mogli forse così presto.

Insomma anche il matrimonio cambia, anche in Italia, un paese così tradizionale, e mentre aumentano i matrimoni civili, quelli religiosi diminuiscono, ma non i battesimi. Perché se uno può non sposarsi; battezzare il proprio figlio da neonato, anche se poi da adulto sceglierà di non essere credente, rimane una tradizione ben più radicata.
Ma perché unire le due cerimonie: forse perché dovendo fare il battesimo, così i genitori sono più invogliati a sposarsi, già che ci sono? 😉

Oppure ci sono motivi di ordine pratico, che in tempi di crisi muovono tutte le nostre azioni, anche quelle più intime, purtroppo! I nostri 3 motivi per cui è meglio fare le due cerimonie insieme, sono 2 di ordine pratico e una più sentimentale. Me le sono fatte raccontare da varie amiche mamme, tra cui Serena, che hanno fatto così.

La prima è proprio legata alla crisi e al risparmio: fare una sola cerimonia/festa per due ricorrenze permette di risparmiare. Invece di fare un matrimonio in grande e un battesimo in piccolo (con la festa semmai nella sala parrocchiale) si fa un matrimonio/battesimo in grande, con la scusa, che si fa tutto in uno, e siamo tutti più contenti!

La seconda motivazione potrebbe essere: già è uno “sbattimento” organizzare una festa, come ci raccontava Claudia tempo fa parlando del suo matrimonio, figurati due! Invece se si fa una sola, come dicevamo, grande festa, per entrambe le cerimonie, ci si stressa e ci si preoccupa una volta sola e si fanno le stesse cose (scelta ristorante, buffet, vestito, bomboniere, ecc…) una volta sola. Comodo no? 🙂

Il terzo motivo quello emozionale è legato proprio alle sensazioni che sono amplificate per tutti i componenti della famiglia. Assistere prima al pianto del proprio nipotino o figlio o figlio di un’amica/o mentre si fa cospargere la testa di acqua benedetta ed entra così nella comunità cristiana e poi alle promesse d’amore della stessa amica/o o figlia/o o sorella/fratello con il suo compagno; per parenti e amici può essere davvero bello! Per non parlare dei diretti interessati, che con il figlio in braccio si promettono “di amarti e onorarti per tutti i giorni della mia vita”.

Insomma le emozioni non si possono descrivere o scegliere, come un menù o una bomboniera, bisogna solo viverle e tutte le coppie con cui ho parlato di questa doppia cerimonia, sono rimaste tutte pienamente soddisfatte della propria scelta! Da tutti i punti di vista!

caketopper wedding-with-child anniversario matrimonio battesimo bimbo
<
>

Ho iniziato a lavorare per le mamme nel 2007, per un programma televisivo e per vari portali, e le donne mamme italiane mi hanno adottato, anche se non sono ancora una mamma come loro, si sono sentite sempre capite e ascoltate da me (così mi dicevano quando facevo la redattrice tv) e questo mi ha riempito d'orgoglio, oltre che farmi imparare tante cose sulle donne in generale. Scrivere di mamme è una cosa che mi ha messo in contatto con il lato più delicato, ma anche forte della femmine mamme italiane. Email: e.citro@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *