foto_sposi_anelli

Quanto tempo ci vuole per organizzare il matrimonio

L’organizzazione di un matrimonio ha dei tempi che variano a seconda dei desideri della coppia, delle disponibilità economiche e burocratiche, della location scelta, delle partecipazioni che devono pervenire agli invitati ecc. E così, generalmente, molti fidanzati iniziano a pensare alla pianificazione dell’evento più o meno 12/18 mesi prima della data stabilita.

Preparare il matrimonio, a meno che non si abbia l’aiuto di un wedding planner, certamente richiede fatica, energia, e tantissimo tempo a disposizione perché bisogna girare per ristoranti, atelier, boutique, fiorai ecc. Ma ci sono sempre delle eccezioni pronte a dimostrare che in realtà pure delle nozze organizzate in breve possono essere fantastiche non solo per la coppia, ma anche per gli ospiti .

Ovviamente c’è una differenza fra la celebrazione svolta in comune e quella con rito Cattolico che riguarda persino le tempistiche burocratiche o relative alle disponibilità della Chiesa stessa.

Così, se si decide di fissare la data dandosi 1 anno di tempo, il primo passo sarà quello di riuscire a far combaciare la location per la festa con l’eventuale sala celebrativa o parrocchia. Infatti, se si opta per l’ultima scelta, bisognerà seguire un corso pre matrimoniale che accompagnerà a cadenza settimanale i futuri sposi fino alla consacrazione del proprio amore.

Stabilito quindi con precisione il giorno non resta che scegliere l’abito nuziale, a volte questa importantissima decisione, specie per le future spose, può richiedere anche mesi di estenuanti ricerche, quindi è meglio mettersi all’opera sin da subito per trovare il vestito dei sogni.

Entro 2 mesi dal matrimonio è importante decidere un’eventuale lista di nozze o di viaggio, in modo tale che poi sarà possibile inviare non oltre i 30 giorni dalla data del sì, gli inviti e le partecipazioni ad amici e parenti. Fondamentale è anche la scelta delle bomboniere con i confetti che devono avvenire in largo anticipo, soprattutto se si decide di commissionarle artigianalmente.

Gli ultimi 2 mesi sono i più faticosi perché pieni di dettagli importanti: si dovranno comprare le fedi, stabilire il menù del ristorante e la torta, prenotare l’eventuale auto da noleggiare, gli addobbi floreali, e la sposa inizierà a fare le prove dell’acconciatura e del trucco… Insomma l’agenda sarà ricca di appuntamenti relativi al matrimonio.

1 mese prima va deciso il bouquet, e la scelta non va minimizzata, anche perché il bon ton dice che oltre ad abbinarsi con l’eventuale tema o abito nuziale, non deve esser più grande del volto della sposa e poi richiede una preparazione dettata anche dalla disponibilità stagionale dei fiori. In questi ultimi 30 giorni, la coppia dovrà anche decidere le postazioni riservate ai loro ospiti ai tavoli, attraverso un tableau o dei segna posti da far pervenire al ristorante.

Le ultime settimane sono le più emozionanti, si entra nel vivo della festa, e può esser organizzato dagli amici il noto addio al nubilato/celibato. 10 giorni dal matrimonio deve esser fatta dalla coppia la prova menù al ristorante. Ancora, a una settimana dalla data vanno ritirate le bomboniere, inoltre a seconda dell’atelier, andrebbe finalmente preso l’abito nuziale con gli ultimi ritocchi sartoriali con gli addobbi floreali che devono esser pronti e ritirati il giorno prima.

Finalmente è arrivata la fatidica data, non importa quanto sia stata lunga l’attesa e la preparazione, le ultime cose che dovranno pervenire puntuali la mattina stessa a casa saranno il bouquet scelto il mese prima, e il make up. Fatto ciò, non resta che tirare un respiro di sollievo e godersi l’indimenticabile giorno delle nozze .

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *