foto_pancino
Il bambino fa molta aria durante l’allattamento, che fare?

L’aria nella pancia è un disagio che colpisce molti neonati, in particolare nei primi tre mesi di vita. Ad essere più esposti sono soprattutto i bambini nati pretermine, in quanto l’apparato intestinale conclude la sua formazione dopo la nascita del piccolino. Per lo stesso motivo può sorgere il problema della stipsi. Questo disagio non è sintomo di patologia ma, innervosendo il neonato, privando spesso i genitori del riposo notturno, a causa delle coliche che spesso si manifestano in seguito alla formazione di aria nella pancia, è motivo di preoccupazione per mamma e papà.

Molte mamme si interrogano circa l’eventuale correlazione tra latte ed aria nella pancia del figlio.

Se il bambino si nutre con un latte artificiale, sperano di risolvere il problema cambiando la marca dell’alimento; se allattano il bambino, mettono in discussione la capacità nutritiva del loro latte e quando decidono di continuare l’allattamento al seno, spesso, si privano di alimenti importanti per l’apporto di vitamine e minerali, deputati, nella nostra cultura, responsabili della formazione di aria nella pancia.

In realtà non è necessario privarsi di nessun alimento, come per tutte le diete è sufficiente non eccedere con le diverse pietanze: se mangio una porzione di cavolo ne trarrò beneficio, se ne mangio due o tre porzioni contemporaneamente avrò mal di pancia, per l’aria che si forma ed eventualmente anche per le coliche.

È importante assumere un’alimentazione mediterranea, ricca di frutta e verdura, evitando i cosiddetti cibi “spazzatura” che, sicuramente, non traggono beneficio nè alla mamma nè al suo bambino, aumentando nell’organismo solo grassi saturi e zuccheri, non nutritivi per il bambino e difficili da smaltire per la mamma. In genere, il fastidio della formazione di aria nella pancia sparisce in modo fisiologico dopo il terzo mese di vita del piccolino. Noi mamme e papà possiamo aiutare i nostri bambini seguendo queste semplici indicazioni:

-se il neonato beve al biberon è importante inclinarlo in modo che, durante la suzione, il piccolo non ingerisca aria insieme al latte;

-appena finito di succhiare, sia con il biberon che al seno, tenere il bambino il più possibile in posizione eretta e picchiettare delicatamente sulla schiena, in modo che possa espellere l’aria: il cosiddetto “ruttino”;

-mantenere morbido il pancino del neonato. Quando ci sono coliche in atto è possibile tenere in braccio il bambino poggiandolo prono con la pancia sulla nostra mano possibilmente calda, in modo tale da poter smuovere l’aria e dare sollievo al piccolino. Quando non ci sono coliche in atto, si può eseguire un massaggio dall’ombelico al pube del neonato, per rilassare e mantenere morbida la parte interessata;

-per lo stesso motivo spiegato nel punto precedente, è consigliata una leggera ginnastica con le gambe, come se dovesse andare in bicicletta; questo potrebbe diventare un momento ludico da eseguire durante il cambio del pannolino;

se il neonato usa i succhietti, preferire quelli anticoliche, che impediscono al piccolino, durante la suzione di ingerire l’aria.

Purtroppo ci sono situazioni in cui nè i medici nè i genitori possono risolvere velocemente i piccoli e grandi disagi dei nostri bambini. Cercare di mantenere un’atmosfera il più possibile serena aiuterà i nosrti bambini a sentirsi protetti, amati e noi impareremo l’arte, difficile, di stare semplicemente vicino ai nostri bambini senza, forse, risolvere il loro problema ma accompagnandoli, con la nostra vicinanza, nelle varie fasi della crescita…diventando grandi insieme.

Mi occupo di genitorialità, prevalentemente, dall'accompagnamento alla nascita fino alla prima infanzia, in qualità di Counselor Professionista, Insegnante di massaggio Infantile e Prenatal Tutor , crescendo, insieme a tante mamme, grazie al prezioso sostegno dei miei bambini Email: t.runco@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *