liquido amniotico

Clampaggio precoce del cordone: cosa comporta?

La nascita del bambino è uno dei momenti più emozionanti per la coppia di genitori che vedono per la prima volta il loro figlio e si associa al “taglio” del cordone ombelicale, il simbolo del legame indissolubile tra mamma e piccolo.

Ci sono diverse “scuole di pensiero” a riguardo: da una parte si pone il clampaggio immediato (non appena il neonato ha attraversato il canale del parto), dall’ altra il clampaggio tardivo (con il quale si aspetta che il cordone cessi di pulsare).

Il clampaggio precoce del cordone cosa comporta?

  • Si impedisce al bambino di avere a disposizione dagli 80 ai 100 ml di sangue in più, per giunta che gli appartengono;
  • Il neonato non vivrà la possibilità di avere un deposito di ferro più abbondante rispetto a quello che gli regalerebbe un clampaggio tardivo del funicolo. Ciò riduce notevolmente l’ incidenza della patologia anemica;
  • Privando, così, il bambino del sangue della placenta, questo potrebbe tardivamente dimostrare debolezza e difficoltà cognitive;
  • Non viene minimamente considerato l’ adattamento fisiologico al mondo esterno e, per questo motivo, potrebbe esserci un approccio più “aggressivo” e non rispettoso dei “tempi” del piccolo;
  • Nel neonato prematuro o piccoli per età gestazionale (così come per i bambini nati da parti difficili, e con sofferenza acuta), invece, il clampaggio precoce del cordone ombelicale è la scelta più opportuna, proprio perché evita il sovraccarico ematico e quindi il rischio di eccessiva trasfusione e di eventuale sovraccarico respiratorio (correlato al sovraccarico di ossigeno);
  • Nel caso di secondamento attivo per ridurre il rischio di emorragia post-partum e spesso per opera di una eccessiva medicalizzazione (utilizzo di 5 U.I. di ossitocina in bolo, per via endovenosa, al disimpegno della spalla anteriore del bambino, con conseguente trazione sulla placenta in un secondo momento) è opportuno clampare il cordone precocemente proprio per evitare che il farmaco possa entrare velocemente in circolo.

In conclusione, il clampaggio del cordone deve essere adattato al bambino e al momento del parto stesso, considerando tutti i pro e i contro di un clampaggio precoce, senza mai dimenticare la naturalezza e la bellezza di un taglio dato tardivamente e senza fretta.

23 anni di Catanzaro - ORGOGLISAMENTE Ostetrica. E' l' avventura più bella che potessi immaginare di vivere: testimone della vita che nasce. "Ho visto in sala parto la potenza delle cose" il mio motto. Animatrice per bambini, conduttrice di corsi di preparazione al parto, Ost.ca volontaria in Ospedale. Possiedo un master presso l' Università di Firenze, con diverse competenze ecografiche e cliniche. Email: c.polizzese@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *