Foto_ragadi _al_seno

Tumore al seno, nuove ricerche: l’aiuto dell’esame del sangue

Nicholas Turner, ricercatore di un Istituto oncologico britannico, l’Institute of Cancer Research di Londrache, ha esordito così: “c’è molta strada da fare prima di poter utilizzare questo metodo di prevenzione delle recidive di routine negli ospedali”. Lo studio è stato pubblicato su Science Translational Medicine. Si parla del tumore al seno, uno dei mostri che maggiormente spaventa le donne nel 2015, soprattutto nella possibilità che dopo terapia chirurgica o farmacologica possa esservi una ricomparsa del tumore, in sede o in altre localizzazioni.

Un esame del sangue potrebbe essere in grado di prevedere il rischio di ricadute, andando ad individuare le donne che potrebbero sviluppare la recidiva sin 8 mesi prima che ci sia la manifestazione clinica della patologia stessa. Lo studio è stato condotto su ben 55 donne a rischio.

Infatti, il prelievo ematico andrebbe alla ricerca di particolari mutazioni nel sangue. Nello specifico, di 15 donne che effettivamente hanno avuto una recidiva, il test si è presentato positivo in ben 13 casi. Sorprendente, vero?

Trovare modi meno invasivi di diagnosi e monitoraggio del cancro è importante. I campioni di sangue sono un possibile modo di raccogliere informazioni cruciali circa la malattia, pescando frammenti di Dna tumorale rilasciati nel sangue del paziente” ha commentato Nick Peel, un ricercatore.

Questo potrebbe essere un punto d’inizio per la lotta al tumore al seno, una speranza per molte donne. Fare prevenzione è sempre importantissimo, proprio come nel caso della diagnostica ginecologica in generale. È fondamentale essere educate a questo per poter vivere bene.

23 anni di Catanzaro - ORGOGLISAMENTE Ostetrica. E' l' avventura più bella che potessi immaginare di vivere: testimone della vita che nasce. "Ho visto in sala parto la potenza delle cose" il mio motto. Animatrice per bambini, conduttrice di corsi di preparazione al parto, Ost.ca volontaria in Ospedale. Possiedo un master presso l' Università di Firenze, con diverse competenze ecografiche e cliniche. Email: c.polizzese@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *