foto_mauro_icardi

Perché fare un tatuaggio dedicato ai figli

Un tatuaggio è un segno distintivo impresso per sempre sulla nostra pelle. I nostri figli sono l’affetto più grande della nostra vita, ma decidere di dedicare loro un disegno indelebile sulla nostra pelle, è una scelta molto forte che deve essere ponderata con molta attenzione.

Prima di decidere di tatuarci dobbiamo essere veramente sicuri delle motivazioni che ci spingono a farlo, del soggetto che vogliamo rappresentare, della scelta della parte del corpo da tatuare ed essere consapevoli di cosa comporta.

I motivi che ci possono spingere a fare un tatuaggio sono:

  • avere sul nostro corpo un pezzo della storia della nostra vita, il ricordo della nascita di nostro figlio, il primo abbraccio, il suo primo sorriso;
  • portare sempre con noi, sulla pelle oltre che nell’anima, nostro figlio;
  • esprimere la nostra nuova identità di genitore;
  • comunicare al mondo tutte le nostre emozioni.

Il soggetto da rappresentare
Se non hai idea di cosa tatuarti, non cercare in una rivista, in un libro, su internet o direttamente nel catalogo del tatuatore il disegno che vorresti avere, ma pensa a cosa vorresti esprimere attraverso quel tatuaggio. Farsi un tatuaggio che va di moda potrebbe non essere la scelta giusta, il rischio è che dopo un po’ di tempo potrebbe annoiarci e potremmo avere il desiderio di volerlo cancellare.Una delle ultime tendenze è quella di farsi tatuare disegni realizzati dai propri figli. Pare che la moda sia stata lanciata da un padre canadese nell’inverno dello scorso anno e che ora sia molto diffusa anche qui in Italia. Pensa bene a questa alternativa e a tutte le altre di cui hai sentito parlare e scegli solo quella che davvero esprime il messaggio che vuoi dare!

La scelta della parte del corpo da tatuare
Poni particolare attenzione a dove vorresti fare il tatuaggio e alle sue dimensioni. Vorresti mostrarlo in pubblico o riservarlo solo alla tua intimità? Non sottovalutare la tua soglia di sopportazione del dolore, alcune parti del corpo sono particolarmente dolorose da tatuare.

Cosa comporta
Ricorda che il tatuaggio è permanente, a meno che non si voglia ricorrere a tecniche di chirurgia estetica che, tra l’altro, spesso non ottengono i risultati sperati. Affidati ad un centro che offra la massima sicurezza in termini igienici e sanitari e, in ogni caso, prima di iniziare fatti esporre tutti i rischi che potrebbe comportare (problemi cutanei, trasmissione di malattie infettive, reazioni allergiche, ecc), sia durante la realizzazione che per il futuro.

Un tatuaggio non è solo un segno sulla nostra pelle, rappresenta la nostra vita, il nostro carattere, le nostre emozioni, una espressione della nostra identità, pertanto, se non siamo veramente sicure di volerci tatuare possiamo provare un tatuaggio all’henné, ma non facciamolo solo perché lo hanno fatto altre mamme alle quali dona, i nostri figli rimarranno comunque l’amore più grande della nostra vita, anche senza un disegno sulla nostra pelle che ce lo ricorda.

Sono un'antropologa culturale amante del buon cibo e della lettura. Mi occupo di comunicazione sia per il web che per la carta stampata. Sono mamma di due meravigliosi monelli dai quali ogni giorno imparo qualcosa di nuovo e lo racconto su Passione Mamma! Email: v.lodestro@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *