foto_vasino

Qual è l’età giusta per lo spannolinamento

Insegnare al bambino ad “essere pulito”, non è cosa semplice e soprattutto occorre considerare che non esiste un momento giusto per tutti, perché l’età in cui i bimbi imparano a stare asciutti varia molto. Bisogna armarsi di pazienza e procedere per gradi, evitando di mostrarsi frettolosi nel cominciare ad insegnarglielo oppure arrabbiati se il bambino non riesce a raggiungere in tempo il vasino e la deposita a terra. L’estate è sicuramente la stagione ideale per lo spannolinamento, in quanto si passa più tempo all’aria aperta e si riduce la possibilità che sporchi in casa.

Se si inizia troppo presto ad insegnare ai bambini a non “farsela addosso”, ci vorrà di sicuro più tempo per farli imparare, se al contrario, si comincerà più tardi, il bambino imparerà più in fretta e finirà con il raggiungere lo stesso risultato. Non si può in tutti i casi imporgli l’uso del vasino.

Per quanto lento possa sembrare l’apprendimento di questa forma di controllo, il momento giusto, sarà quello in cui si renderà conto di stare per farla, invece di accorgersene a fatto compiuto.

Verso i 15 mesi di vita il piccolo svuota l’intestino o la vescica automaticamente. Non è consapevole di di ciò che sta per avvenire o di ciò che ha fatto e non è in grado di capire che dipende da lui. Quindi, non è ancora pronto per il vasino. Verso la metà del secondo anno di vita, comincia a comprendere questo collegamento vitale. E’ in grado di capire che lo ha fatto lui, ma non è in grado di prevedere quando lo farà. Non è ancora in grado di usare il vasino, ma è pronto a sedervisi.

Il vaso, deve essere comodo e stabile, e bisognerà essere sicuri che il bambino capisca lo scopo. Lo si potrà inizialmente posizionare in un angolo della stanza dei giochi, di modo che il piccolino si abitui alla sua presenza e prenda confidenza con esso. Se nei primi tempi il bimbo rifiuterà di sedervisi sopra, non bisognerà assolutamente forzarlo.

Per incoraggiarlo all’utilizzo, si potrà porvi vicino il suo pupazzo preferito oppure altri giochi che il piccolo predilige. Utile sarà inoltre sostituire il body come indumento intimo, preferendo invece una canotta con una mutandina che consentirà al bambino di toglierla con più semplicità.

Considerato che ogni figliolo ha i propri tempi, avvenuto lo spannolinamento, potranno anche verificarsi degli “incidenti di percorso”, l’importante sarà non farlo diventare un dramma; il bambino non dovrà essere ne sgridato ne mortificato.

Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità, adoro il mondo dei bimbi trascorro con loro la maggior parte del mio tempo facendogli da tata. Mi diletto a scrivere per Passione Mamma e ciò mi riempie di gioia e soddisfazione. Sogno di scrivere un libro dedicato al mondo delle donne in dolce attesa, perché ritengo sia davvero straordinario ciò che la natura ci ha donato. Email: f.fiore@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *