foto_rettocele

Il rettocele in gravidanza, post parto e menopausa: sintomi e cura

Il rettocele è il prolasso della parete vaginale posteriore con la protusione del retto all’interno del canale vaginale. Questa condizione si verifica quando c’è un indebolimento dei muscoli vaginali e dei muscoli perineali di sostegno, in particolare del muscolo elevatore dell’ano. La situazione è tipica della menopausa, quando c’è una fisiologica perdita di tono muscolare dovuta all’invecchiamento cellulare, al calo degli ormoni e all’inattività sessuale. Anche in gravidanza può verificarsi un rettocele, in quanto il progesterone, agendo da miorilassante, altera il tono della muscolatura liscia e l’utero gravidico preme sul pavimento pelvico. O ancora può essere una condizione legata al parto, in seguito a lacerazioni perineali di grado severo.

Tra i sintomi più frequenti si riscontra la stipsi o meglio l’impossibilità di un completo svuotamento dell’intestino, proprio per una difficoltà meccanica nelle spinte rettali. Dato che l’ampolla rettale è adagiata sulla parete posteriore della vagina non è infrequente riscontrare infezioni vaginali e perdite maleodoranti, perché il passaggio di batteri dal retto alla vagina è favorito per contiguità. Anche le infezioni vescicali e la dispareunia (il dolore ai rapporti) possono essere disturbi associati al rettocele. Si può ritrovare inoltre anche una lassità dello sfintere anale con conseguente incontinenza.

L’unica terapia risolutiva è quella di tipo chirurgico, che consiste in una plastica dell’elevatore dell’ano e una correzione della mucosa rettale prolassata e della parete vaginale indebolita. Nel frattempo si può modificare l’alimentazione introducendo più acqua e fibre per limitare la stipsi, già di per sé presente in gravidanza.

La prevenzione del rettocele, come quella del cistocele e del prolasso in generale, consiste nella ginnastica perineale, con esercizi che mirano a rinforzare i muscoli di sostegno di questi organi e quelli vaginali. E’ anche definita ginnastica sessuale, proprio perché il rinforzo dei muscoli vaginali e perineali e il loro utilizzo durante i rapporti intimi aumenta il piacere sia per la donna e per l’uomo.

Anche da ostetrica mi domando spesso come sia possibile che dentro le donne crescano bambini. Amo il fitness e mi occupo di corsi di ginnastica Prenatale e post-natale. Mi piace cantare, ballare, scrivere, recitare e cucinare, ma non so fare niente di tutto questo! :) Email: g.landy@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *