foto_sediolini_auto

Come scegliere il seggiolino auto migliore

Proteggere la vita dei propri figli in auto è un obbligo per ogni genitore e questo deve avvenire non solo perché è previsto dalla Legge (art. 172 del Codice della Strada), ma anche per amore verso il piccolo. Ecco quindi che pure se per brevi passeggiate in macchina, è importante assicurare la seduta del piccolo con appositi sediolini correlati di cintura. Abituare infatti il bambino sin da subito a stare a bordo della vettura, non solo lo proteggerà da eventuali e male augurati incidenti, ma servirà anche ad insegnarli un corretto senso civico.

In fatto di sicurezza non bisogna indugiare ed in questo articolo vogliamo consigliare come deve avvenire in modo corretto ogni spostamento in auto del bebè. Va ricordato che vi è una normativa che prevede l’ esistenza di 5 Gruppi che classificano una corretta omologazione della struttura che assicura la sicurezza in auto.

Gruppo 0: si usa da quando appena uscito dall’ospedale, il neonato deve essere trasportato a casa, ciò può avvenire comodamente attraverso la navicella della carrozzina posizionata sui sedili posteriori assieme ad un adulto pronto a mantenere la culla imbottita . A questo Gruppo appartengono anche i mini seggiolini per bimbi sotto i 10 kg (fino a 12 mesi circa) che si agganciano al sedile posteriore centrale – la posizione più protetta in caso di incidente – in senso opposto a quello di marcia.

Gruppo 0+: ne fa parte invece il noto pezzo del passeggino trio chiamato ovetto per bimbi fino a 13 kg (fino ai 24 mesi circa). Esso si aggancia al sedile posteriore sfruttando la cintura di sicurezza della vettura, viene fissato alla macchina e va messo in senso di marcia opposto.

Gruppo di classe 0 + 1: va bene per un bimbo fino a 18 Kg, cioè per piccoli dai 9 mesi ai 4 anni, esso presenta inoltre gli appositi riduttori che accompagnano la seduta del piccolo man mano che cresce.

Gruppo 2: è per bambini dai 15 ai 25 Kg, dai 4 ai 6 anni.

Gruppo 3 : è per i figlioli da 20-22 a 36 Kg, dai 6 ai 12 anni circa .

Tra i vari Gruppi esistono dei seggiolini definiti intermedi, cioè che raccolgono le caratteristiche di due o più gruppi, sono comunque sempre certificati ECE e sono una buona idea per evitare di acquistarne ogni volta uno nuovo a seconda della crescita del bimbo. Quando si compra un seggiolino auto bisogna controllare che:

  1. Il gruppo cui appartiene e il peso del bambino che può portare
  2. UNIVERSAL significa che il seggiolino è adatto ad ogni tipo di auto
  3. La sigla della nazione in cui è stato prodotto
  4. Le sigle relative al superamento dei test di sicurezza e all’omologazione secondo le leggi della Comunità Europea: ECE R44-02 oppure ECE R44-03

L’ adattatore è invece quel rialzo che si pone sul sedile e viene usato dai ragazzini e non più dai bambini e sfrutta la cintura di sicurezza della vettura. A usufruire di esso devono esser i figlioli che hanno 8-9 anni, il sedile è infatti rialzato – di solito 10-15 cm – e fa sì che i ragazzi possano raggiungere l’altezza corretta per indossare le cinture, che è 150 cm o più . Alcuni adattatori sono privi di schienale e di poggia collo, ma è meglio acquistarli con questi per una maggiore comodità.

I seggiolini auto reclinabili, sono confortevoli soprattutto per una corretta postura della testa del bambino, oltre ad essere sicuri. Ma la maggior parte delle case di produzione di sediolini per vetture presentano la possibilità di reclinare lo schienale, ciò è comodo anche per una pulizia dello stesso.

Da qualche anno per permettere una maggiore salvaguardia del bambino in auto, è stato progettato il sistema Isofix che è costituito da 2 anelli metallici in acciaio posti tra schienale e sedile dell’auto e sono saldati alla struttura della vettura stessa. A questi anelli viene agganciato il seggiolino o direttamente o tramite una specie di struttura metallica che funge da gamba di supporto capace di impedire in caso di incidente la rotazione in avanti.

I prezzi dei seggiolini auto variano da un minimo di 50 ai 200/440 euro, l’importante resta far viaggiare il proprio figlio in modo sicuro e comodo. Inoltre, se Polizia o Carabinieri dovessero notare che il bambino si ritrova in auto sprovvisto di sediolino o cintura si è costretti a pagare delle multe che vanno dai 70 ai 300 euro.

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *