foto_crampi_notturni_gravidanza

Alimentazione in gravidanza: 10 consigli su come mangiare

A volte l’alimentazione durante la dolce attesa potrebbe sembrare limitata perché alcuni cibi sono sconsigliati per evitare di rischiare patologie come il diabete gestazionale, la gestosi o l’eventuale toxoplasmosi . Ecco quindi 10 consigli su come mangiare durante la gravidanza senza porsi eccessivi limiti o sensi di colpa, una lista di metodi che permettono di restare a tavola in modo corretto.

  1. Mangiare con calma: è importante vivere il momento del pasto con serenità e non affrettarsi ad ingerire tutto voracemente perché non fa bene alla digestione che di sicuro rispetto a prima della gravidanza è cambiata.
  2. Non mangiare il doppio: sfatiamo il falso mito che dice di nutrirsi per due quando si è in dolce atteza, anzi bisogna mangiare correttamente.
  3. Colazione: ricca e abbondante, da limitare a due volte a settimana le brioche del bar e privilegiare invece il latte parzialmente scremato, accompagnato da prodotti da forno come fette biscottate, biscotti secchi, gallette di riso, barrette di cereali con frutta.
  4. Spuntini: vanno fatti sia a metà mattinata e a metà pomeriggio e possono essere a base di frutta o yogurt.
  5. Equilibrare gli elementi nutrizionali: carboidrati e proteine devono essere assunti quotidianamente ma con moderazione, mentre le verdure, che sono ricche di sali minerali, possono esser mangiate a volontà.
  6. Bevande: sì alle spremute e ai succhi di frutta, soprattutto quelli al pompelmo rosso o frutti di stagione; sono da evitare bibite gassate e zuccherine mentre è da ridurre la caffeina e la teina. L’acqua è essenziale, è preferibile bere due litri al giorno.
  7. Salumi, pesce, formaggi e carne: bisogna evitare il rischio toxoplasmosi quindi vanno scansati cibi crudi, mentre per i formaggi è meglio preferire quelli magri e privi di muffa.
  8. Lavare con il bicarbonato: soprattutto la frutta o i pomodori non cotti vanno sciacquati sotto acqua corrente e poi lasciati a bagno con il bicarbonato .
  9. Assecondare le voglie: non perché si rischia che il nascituro venga al mondo con macchie sul corpo, ma per un piacere personale che non è il caso di sottrarre ad una donna incinta.
  10. Evitare il sale: meglio mangiare senza sale per evitare il rischio gestosi.

Durante la gravidanza alcune abitudini alimentari possono cambiare, così come i gusti. Non resta perciò che seguire delle linee comportamentali a tavola per vivere al meglio i momenti dei pasti che sono fondamentali per la madre e il futuro nascituro. Bisogna seguire una dieta sanam meglio se prescritta dal proprio medico che effettuerà poi il controllo sia del peso della gestante che le eventuali analisi.

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *