foto_lavarsi denti
Spazzolino da denti per bambini: quando e come

E’ diffusa la convinzione che i dentini da latte dei nostri bimbi non abbiano bisogno di troppe attenzioni dal momento che un giorno cadranno, sostituiti da quelli ‘da grandi’. Gli esperti, al contrario, raccomandano di prestare molta attenzione all’igiene orale dei figli fin da piccoli proprio per evitare che possano soffrire in futuro di carie e altri fastidi simili.Inoltre, così facendo si favorisce lo sviluppo corretto delle arcate dentarie.

Quando i dentini hanno appena fatto la loro comparsa, solitamente intorno al sesto mese di vita, basterà utilizzare una garza di cotone impregnata d’acqua e massaggiarla sui denti, sulle gengive e sulla lingua. Questo soprattutto dopo ogni poppata, quando è possibile che nella bocca del bambino restino residui di latte che, depositandosi sui dentini, a lungo andare possono provocare la cosiddetta ‘carie da biberon’ che riguarda soprattutto i dentini frontali superiori ed inferiori. La garza bagnata va bene come metodo di pulizia fino al 12 mese, da questo momento in poi si consiglia di utilizzare uno spazzolino, ovviamente di quelli pensati appositamente per i bimbi piccoli dotato di setole morbidissime, muovendolo delicatamente dalla gengiva verso il dente.

Soprattutto dopo ogni pasto, specialmente di sera, gli esperti consigliano di spazzolare i denti con uno spazzolino adatto, che sia della misura giusta e con l’impugnatura morbida in base all’età del bambino. Ovviamente il bimbo non va forzato in alcun modo, piuttosto lavarsi i denti per lui dovrà diventare prima una specie di gioco e dopo una bella abitudine.

Per quanto riguarda, invece, il dentifricio, si può cominciare a usarlo quando il bambino avrà imparato a non ingoiarlo visto che secondo alcuni studi il fluoro sarebbe nocivo per l’organismo. Si consiglia di usare il dentifricio a partire dai 3 anni, utilizzandone una quantità della grandezza di una lenticchia.

Giornalista per caso e mamma per scelta, da oltre dieci anni mi diletto con la scrittura collaborando con quotidiani della provincia di Latina, emittenti tv e siti web. Poi, nel 2012, lo 'scoop' della mia vita, mio figlio Francesco, oramai la mia principale fonte d'ispirazione. Email: r.recchia@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *