foto_lampade
Lampade abbronzanti durante l’allattamento: si può?

Dopo il periodo certamente stressante, dal punto di vista fisico e psicologico, della gravidanza prima, del parto poi e della maternità subito dopo, è normalissimo, anzi, sacrosanto che la neo-mamma provi il desiderio di ‘rimettersi in sesto’ concedendosi qualche trattamento di bellezza. Però può capitare che sorgano dei dubbi sulla ‘bontà’ di alcuni interventi, soprattutto in relazione al bebè. Per esempio durante l’allattamento, è possibile sottoporsi alle lampade abbronzanti senza che questo influisca con la produzione di latte e, soprattutto, sulla sua bontà per il bambino.

Rivolgendo questa domanda agli esperti, la risposta è piuttosto unanime: la donna può assolutamente concedersi una lampada per regalarsi un po’ di ‘tintarella’, ovviamente non abusandone e seguendo alcune dritta.

Per esempio è importante reidratarsi sempre molto dopo ogni seduta e bere parecchi liquidi, soprattutto acqua naturale. Al di là di queste raccomandazioni, non ci sarebbero contro-indicazioni visto che la lampada abbronzante non influirebbe in alcun modo con la produzione del latte necessario al bimbetto.

Probabilmente l’unico ‘neo’ riguarda il rischio concreto che la lampada lasci macchie sulla pelle della donna visto che a poco tempo dalla gravidanza è ancora parecchio delicata. Per questo si consiglia alle neo-mamme di aspettare qualche mese prima di sottoporsi a questo trattamento, magari nel frattempo concedendosi qualche oretta di sole naturale in spiaggia, ovviamente protette con la giusta crema.

Giornalista per caso e mamma per scelta, da oltre dieci anni mi diletto con la scrittura collaborando con quotidiani della provincia di Latina, emittenti tv e siti web. Poi, nel 2012, lo 'scoop' della mia vita, mio figlio Francesco, oramai la mia principale fonte d'ispirazione. Email: r.recchia@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *