foto_papà_cose_dafare_nonfare
Cose che i papà devono o non devono fare prima e dopo il parto

Esistono atteggiamenti o azioni che durante la gravidanza e subito dopo il parto è meglio che i papà non facciano, perché la situazione ormonale delle madri è molto fragile e farebbe innervosire enormemente le proprie compagne. Poi c’è quello che andrebbe fatto per far sentire che il figlio è frutto dell’amore della coppia e che qualsiasi cambiamento fisico o ormonale, non sarà mai di intralcio per il proprio amore. Ecco quindi una sorta di guida sulle cose che i papà devono o non devono fare prima e dopo il parto.

Cose da fare prima e dopo il parto:

  1. Essere partecipe: ossia accompagnare il più possibile la propria partner alle eventuali visite mediche o cercare un corso pre parto da fare assieme a lei.
  2. Sostenerla: è importante che durante ogni aumento di chili o cambiamento psicologico ci sia il sostegno del partner pronto ad incoraggiarla e a farle capire che la natura l’ha resa perfetta in ogni suo cambiamento perché ha il potere unico di generare una vita.
  3. Dopo il parto un regalo: tutte le attenzioni saranno rivolte al nascituro e nessuno penserà alla mamma, perciò farle un pensiero, come un completo intimo, servirà a farle capire che la fiamma della passione non si è spenta con la nascita del bambino.
  4. Prendere qualche giorno di ferie: meglio stare a casa per le prime settimane della nascita del figliolo per concedere alla madre di svagarsi anche solo riuscendo a farsi un bagno, oppure ricevendo i parenti o gli amici in visita per il bebè al posto della compagnia.
  5. Sbrigare le faccende: soprattutto durante i primi giorni di vita del bebè è bene aiutare la propria compagna, alle prese con l’allattamento, in servizi domestici e in cucina.
  6. Aiutarla col bebè: se il nuovo arrivato ha rivoluzionato l’andamento della vita di coppia, è meglio risanare il tutto grazie ad un reciproco aiuto, da dare nel cambio dei pannolini o nello svegliarsi a turno durante la notte.
  7. Creare bei momenti: anche se il tempo è dilazionato con l’arrivo del figliolo, è sempre bene sfruttare ogni minuto per un abbraccio e ogni ora per una cenetta a sorpresa.

Cose da non fare prima e dopo il parto:

  1. Mai fare commenti negativi: non bisogna assolutamente far notare come la gravidanza abbia cambiato le curve di un tempo, perché non tutte le partner potrebbero esserne felici.
  2. Far intervenire la suocera: il classico “perché lo dice mia madre” non conforta, mai riportare quindi di continuo i consigli delle suocere alle proprie compagne
  3. Non accompagnare mai la partner: l’assenza potrebbe far suscitare liti furibonde fra la coppia perché lei si potrebbe sentire sola durante le visite mediche o gli acquisti per il bebè.
  4. Avere paura: se durante il corso pre parto faranno vedere video sulle nascite, non bisogna mai dimostrare debolezza riguardo le immagini forti. Lo stesso anche se il papà decide di assistere al parto, meglio esser consapevoli di non avere timori inutili.
  5. Non farsi prendere dal panico: arriva il momento delle doglie, della rottura delle acque, la partner sta patendo i dolori del parto, quindi non bisogna impaurirsi o dimostrare ansia ma essere sereni davanti alla futura mamma, accompagnandola in ospedale senza mostrare agitazione ulteriore a quella della donna.
  6. Evitare la telecamera in sala parto: meglio mettere da parte l’indole registica durante il parto, è meglio non riprendere la sofferenza delle doglie ma se è necessario solo il momento della nascita.
  7. Usare il figlio come un trofeo: nato il bambino di certo verranno mostrate le foto agli amici ed il piccolo non dovrà essere considerato solo come un oggetto da esibire ma come un figlio da curare.
  8. Non aiutare la compagnia: meglio offrire sempre una mano il più possibile alla partner.

Ovviamente ogni coppia è a se e reagisce in modo diverso alla gravidanza e alla nascita di un bebè che arreca cambiamenti drastici nella vita e nelle priorità di due innamorati. Ogni padre deve assumersi le proprie responsabilità sin da subito, ed è infatti molto bello vedere che negli ultimi anni si stia diffondendo il fenomeno dei papà-mammi, pronti a sostituirsi in caso di bisogno alle compagne per accudire il bimbo come farebbe una madre. Va sempre ricordato che i figli si fanno in due ed è giusto che entrambi i genitori siano presenti il più possibile nella sua crescita dimostrando la solidità della coppia in ogni momento.

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *