Come preparare il latte artificiale: dosi, modalità e tempi

Anche se l’Oms consiglia l’allattamento al seno materno esclusivo per almeno sei mesi, purtroppo alle volte è necessario aggiungere il latte artificiale per la crescita ottimale, soprattutto nei neonati di basso peso e nelle madri che non hanno quantità di latte sufficienti, a causa di una non adeguata stimolazione. Ecco allora qualche indicazione su come preparare il latte artificiale e quale scegliere.

Dosi. La dose standard è stabilita dalle tabelle di crescita riportate sulla confezione, che in ogni caso va confermata dal pediatra perché ogni singolo neonato potrebbe avere esigenze diverse. Per il latte in polvere la dose da sciogliere in acqua è di un misurino pieno (ma che non debordi dall’orlo) per ogni 30 gr di acqua.

Modalità. Se il neonato ha meno di 3 mesi è opportuno sterilizzare il biberon prima dell’utilizzo. Per farlo potete usare elettrodomestici appositi o farlo bollire in acqua per circa 20 min. Dopo la sterilizzazione non bisogna toccare con le mani la tettarella nè asciugarla, per evitare di contaminarla. Quindi lavarsi accuratamente le mani, svuotare il bollitore e toccare solo il biberon. Le norme igieniche sono fondamentali soprattutto nei neonati allattati esclusivamente con latte artificiale che non possiede anticorpi e che sono per tanto meno protetti dalle infezioni.

Tempi. La poppata deve avvenire secondo le dosi stabilite dal pediatra mediamente ogni tre ore, ed è opportuno che avvengano almeno sei poppate nell’arco della giornata. Il latte avanzato non deve essere somministrato alla poppata successiva perché potrebbero essersi prodotti dei batteri al suo interno. Il latte in polvere si conserva per 15 giorni dopo l’apertura mentre quello liquido per 24 ore in frigo.

Preparazione. Una volta trovata la formulazione di latte più adatta, per quello liquido sarà sufficiente riscaldarlo nel biberon a bagnomaria, nel microonde o nell’apposito scalda biberon, fino a fargli raggiungere i 30 gr circa e testarlo poi sul polso per verificare che non sia troppo caldo o troppo freddo. Per il latte in polvere, invece, occorre un acqua naturale in bottiglia, da riscaldare poi all’interno del biberon, aggiungere i misurini prestabiliti e agitare 10-15 volte per evitare la formazione di grumi.

Anche da ostetrica mi domando spesso come sia possibile che dentro le donne crescano bambini. Amo il fitness e mi occupo di corsi di ginnastica Prenatale e post-natale. Mi piace cantare, ballare, scrivere, recitare e cucinare, ma non so fare niente di tutto questo! :) Email: g.landy@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *