foto_bambina che legge
Tablet contro la dislessia: l’invenzione di un papà

Marco Iannacone è un ingegnere informatico. Marco Iannacone è soprattutto un papà che un giorno si rende conto che qualcosa non va e che suo figlio ha difficoltà di apprendimento a scuola, i cosiddetti DSA, Disturbi Specifici dell’Apprendimento, ovvero la dislessia. E allora mette insieme la sua esperienza professionale e l’amore immenso per il suo bambino ancora troppo piccolo per gli strumenti hi-tech oggi a disposizione per gli solari dislessici. Consulta specialisti, insegnanti, logopedisti e altri genitori con il suo stesso problema. Studia, ragiona, lavora e alla fine inventa EdiTouch, il primo tablet specifico per facilitare l’apprendimento scolastico dei bimbi dislessici e, più in generale, di quelli con DSA.

Di che si tratta? EdiTouch è una specie di sistema operativo già pronto per essere installato sui comuni tablet per un utilizzo ben preciso. Ricorda un normalissimo quaderno in modo che i bambini possano prendere famigliarità più facilmente, usandolo già alla scuola primaria.

Ma come l’uovo di Pasqua, la sorpresa è dentro: un lettore ebook per poter leggere libri o letture e prendere appunti scegliendo di volta in volta le dimensione del carattere e luminosità, il tutto trasformato da scrittura a parola con la funzionalità ‘text-to-speech’. Poi c’è ‘Archimede’, una calcolatrice vocale molto intuitiva che risolve le operazioni con il metodo ‘in colonna’ usata alle elementari; ‘Draw your mind’ che crea e visualizza mappe mentali e concettuali che consente anche d’inserire immagini, note audio, icone; infine c’è anche un vocabolario in italiano e inglese per cercare il significato di una parola e ascoltarne la definizione, letta da un assistente vocale.

EdiTouch è stato subito sperimentato nelle scuole attraverso un accordo tra gli informatici della società di Iannacone, l’Azienda Sanitaria Locale Roma D e le Università de L’Aquila e RomaTre, per 18 mesi in 8 scuole elementari e medie, a disposizione di 400 studenti tra i 9 e i 16 anni, più della metà dislessici. I ragazzi hanno ottenuto voti migliori rispetto all’anno scolastico precedente, semplicemente usando EdiTouch come supporto nello studio di tutti i giorni. Benefici anche psicologici, come minore stress e maggior autonomia nello studio.

La novità di quest’anno è la nascita di EdiTouch per le scuole superiori.

Giornalista per caso e mamma per scelta, da oltre dieci anni mi diletto con la scrittura collaborando con quotidiani della provincia di Latina, emittenti tv e siti web. Poi, nel 2012, lo 'scoop' della mia vita, mio figlio Francesco, oramai la mia principale fonte d'ispirazione. Email: r.recchia@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *