foto_feto

Prelievo venoso: dosaggio Beta-Hcg e valori

Come capire che si è incinta? Per sapere se è iniziata una gravidanza già dopo la prima settimana dal concepimento è possibile effettuare un esame che permetterà l’ individuazione e il dosaggio di un ormone che rappresenta uno dei “segni di certezza” per la diagnosi di gravidanza. Si valuta non solo la presenza della sostanza ma anche la quantità del medesimo.

L’ormone beta-HCG o, gonadotropina corionica umana, è un ormone prodotto dalla placenta ed è significativo per capire come sta avvenendo il processo di crescita embrionale e, soprattutto, per valutare come i cambiamenti ormonali stanno coinvolgendo tutto l’organismo della donna.

Le Beta-Hcg hanno il ruolo fondamentale di modulare e, in un certo senso, influenzare la produzione del progesterone. Infatti induce il corpo luteo gravidico (che si trova nell’ ovaio) a produrre il progesterone proprio perché è necessario ottenere una certa rilassatezza del tessuto uterino, affinché non ci siano rischi per il piccolo embrione.

L’urina durante la gestazione è ricca di questa sostanza, per questo motivo il famoso “test di gravidanza” indica esclusivamente la positività, ma non ne descrive i valori, che invece sono molto importanti.
E’ necessario, quindi, effettuare un semplice prelievo venoso per il dosaggio delle Beta-Hcg per valutare la quantità precisa dell’ ormone in circolo.

Ma questo è solo un piccolo passo, perché affinché si possa capire che tutto sta procedendo per il meglio devono essere effettuati altri prelievi tenendo in considerazione alcune piccole, ma importanti regole. Le beta raddoppiano ogni due giorni fino al valore di 1200 UI/ml , raddoppiano ogni 3 giorni fino a 6000 UI/ml ed infine raddoppiano ogni 4 al di sopra di 6000 UI/ml. Basta consultare la tabella di riferimento, per farsi un’ idea della situazione.

Cosa accade quando, in seguito a dosaggio ematico, le beta- HCG sono quantitativamente ridotte o aumentate? Nel caso della riduzione dei valori potrebbero esserci situazioni di aborto, minaccia d’aborto o semplice valore che tarda ad alzarsi. Nel caso dell’ incremento eccessivo dei valori rispetto agli standard potrebbe ipotizzarsi una gravidanza gemellare o anomalie placentari. Se i valori invece si mantengono totalmente statici, allora potrebbe ipotizzarsi una gravidanza extra-uterina.

Le Beta-Hcg sono il primo alimento per la crescita del nostro piccolo, per questo tutto deve essere approfondito clinicamente, con altri dosaggi (perché uno solo non basta mai) e mediante ulteriori esami ecografici che ,come sappiamo faranno, conoscere meglio il piccolo e daranno certezze sul proprio stato di salute.

Foto_prelievofoto_provettatest doppio indicatore ormonale
<
>
Provetta tappo ruggine per il dosaggio degli ormoni, Beta-Hcg incluse.

23 anni di Catanzaro - ORGOGLISAMENTE Ostetrica. E' l' avventura più bella che potessi immaginare di vivere: testimone della vita che nasce. "Ho visto in sala parto la potenza delle cose" il mio motto. Animatrice per bambini, conduttrice di corsi di preparazione al parto, Ost.ca volontaria in Ospedale. Possiedo un master presso l' Università di Firenze, con diverse competenze ecografiche e cliniche. Email: c.polizzese@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *